0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Buccolam®: indicazioni e foglietto illustrativo

Buccolam® è un farmaco antiepilettico utilizzato nel trattamento delle crisi epilettiche di bambini e adolescenti con epilessia precedentemente diagnosticata. Eccone una scheda tecnica con indicazioni, controindicazioni ed effetti collaterali.


Indicazioni

Buccolam® è una soluzione orale in siringa preriempita che si somministra nei bambini dai 3 mesi a meno di 18 anni, che presentano crisi convulsive acute e prolungate. Nei bambini dai 3 ai 6 mesi questo farmaco è somministrato esclusivamente in ambiente ospedaliero. In commercio è disponibile in 4 differenti dosaggi: 25 mg, 5mg, 7,5mg e 10 mg. La posologia varierà in funzione dell’età del paziente.

Controindicazioni

La somministrazione di Buccolam® è controindicata in persone che presentano ipersensibilità al principio attivo o ad uno degli eccipienti del farmaco, ipersensibilità alle benzodiazepine, grave insufficienza renale, grave insufficienza epatica o sindrome da apnea nel sonno.

Effetti collaterali

Numerosi effetti collaterali possono manifestarsi per la somministrazione di Buccolam® Più frequentemente si sono riscontrati disturbi del sistema nervoso (sonnolenza, sedazione, depressione respiratoria), disturbi gastrointestinali (nausea, vomito), disturbi cutanei (prurito, orticaria, eruzioni), disturbi cardiaci (ipotensione, tachicardia, arresto cardiaco) o, più raramente, disturbi psichici (agitazione, aggressività, allucinazioni, delirio).

Principio attivo

Il midazolam è il principio attivo del Buccolam®. Si tratta di un derivato del gruppo delle imidazobenzodiazepine dalle notevoli proprietà anticonvulsivanti, ed inoltre il suo metabolismo gli consente di agire rapidamente in caso di crisi convulsiva.Una dose unica di Buccolam® deve essere somministrata tra la guancia e la gengiva con un’iniezione lenta. Se non si ottiene un miglioramento in 10 minuti, contattare il soccorso d’urgenza. L’involucro e la siringa utilizzati devono essere conservati e consegnati al medico che si occuperà del bambino.
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo