0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Bruciore intimo: cause e rimedi

Il bruciore intimo colpisce il 70% della popolazione femminile. Spesso accompagnato da altri sintomi, questo fastidioso disturbo può avere diverse cause.


Definizione

Il bruciore intimo è un disturbo molto diffuso, localizzato alla zona genitale, all’esterno o interno. Tale fastidio colpisce le donne più degli uomini, perché l’area genitale femminile è più delicata e soggetta ad irritazione ed infezione.
Si accompagna ad altri sintomi come prurito intimo, perdite vaginali bianche o gialle, fastidi e/o dolori durante il rapporto sessuale (dispareunia), arrossamenti, cattivo odore delle parti interessate, dolori addominali, dolori alla minzione, frequente bisogno di urinare, emissione di sangue (ematuria) e disuria solo negli uomini.

Cause

Il bruciore intimo spesso è legato a piccoli disturbi, in ogni caso rivolgersi al proprio medico.
Le cause, più diffuse sono l’infezione da Candida,generata da un calo delle difese immunitarie o da contagio, una vaginosi batterica da alterato equilibrio della flora vaginale (in tal caso possono essere presenti perdite maleodoranti), microlesioni provocate dal rapporto sessuale, peli incarniti, allergia al latice dei profilattici, malattie a trasmissione sessuale(gonorrea, condilomi, sifilide ed herpes genitalis),infezioni delle vie urinarie, scarsa o scorretta igiene intima, assorbenti interni, allergia alle fibre della biancheria intima, pantaloni troppo aderenti, stress, uso della pillola anticoncezionale o gravidanza e menopausa.
Negli uomini le cause specifiche possono essere uretrite, prostatite, balanite, calcoli.
Nella maggior parte dei casi l bruciore intimo è causato da infezioni batteriche, virali, fungine, contratte in rapporti sessuali non protetti.

Rimedi naturali

I rimedi naturali per far fronte al bruciore intimo sono semplici da realizzare e prevedono tutti dei lavaggi nella zona intima. Lavare le parti intime con acqua e bicarbonato, o con una soluzione di acqua e aceto bianco o di mele,con un decotto di camomilla (che si può applicare anche come impacco), avena, erica, con una soluzione di acqua ed amido di riso,o con una soluzione di acqua e tintura madre di calendula possono aiutare ad alleviare il bruciore.
Inoltre, bere ogni sera un infuso di gramigna, che ha attività depurativa e antinfiammatoria è un altra astuzia da metterein atto.
Applicare aloe vera in gel o pomata alla Calendula (entrambe ad attività antiinfiammatoria) dopo ogni detersione.

Rimedi farmacologici

In caso di evidente sintomatologia da infezione da fungina o batterica (perdite vaginali e loro caratteristiche organolettiche) il medico prescriverà antimicotici sotto forma di ovuli o di crema da applicare nella vagina e sui genitali esterni o antibatterici per via orale o sotto forma di creme da applicare sui genitali esterni.
In caso di allergia al lattice, si useranno preservativi di altro materiale.
In caso di infezione batterica o fungina ,se la paziente ha un partner abituale, va trattato anch’esso per impedire che l’infezione continui a essere trasmessa da un partner all’altro.

FOTO:©Tharakorn Arunothai/123RF
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo