0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Fistola perianale: causa, sintomi e cura

Una fistola perianale è un disturbo abbastanza comune. Per rimediarvi si ricorre alla terapia antibiotica, ma nella maggior parte dei casi il ricorso alla chirurgia risulta necessario.


Definizione

La fistola perianale è un tunnel che si forma intorno all’ano e che dalla cute dello sfintere si approfondisce all’interno del retto, nel canale anale.
Si sviluppa nella linea ano-rettale (la parte che separa il retto dall’ano),dove hanno sede le ghiandole anali, che secernono all’esterno e sono per prime colpite da un’infezione, che poi darà origine alla fistola perianale.

Cause

La fistola perianale è sempre preceduta da un ascesso anale o, più specificamente, delle ghiandole anali, non trattato adeguatamente.
Una banale microlesione della mucosa dell’ultimo tratto del retto(causata dall’uso incongruo di carta igienica o da abrasioni prodotte con le unghie in corso di operazioni di pulizia) può facilmente infettarsi con i germi presenti nell’ultimo tratto dell’intestino, il cui sviluppo è favorito dall’ambiente caldo-umido qui presente. L’infezione può progredire in ascesso perianale e quindi diffondersi, formando piccoli tunnel anche numerosi, che mettono in comunicazione la cute perianale con l’interno del canale anale, con conseguente contaminazione dei tessuti circostanti.
Spesso insorge a partire dalle ghiandole anali e decorrendo lungo le ghiandole stesse.

Sintomi

L’esordio può essere subdolo: sensazione di fastidio della regione interessata, piccola tumefazione dolente, che scompare spontaneamente
In genere però le fistole perianali sono precedute da un ascesso anale con forte dolore, notevole tumefazione calda e dolente e febbre elevata. E doveroso rivolgersi per la terapia ad un proctologo.

Trattamento

D’obbligo, ma inefficace da sola, è la [faq/283-antibiotico-definizione terapia antibiotica]. È necessario incidere e drenare la zona ascessualizzata o, quando possibile, effettuare una terapia chirurgica radicale, con escissione della ghiandola da cui è partita l’infezione e dei tunnel da essa “costruiti”.
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo