0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Film che fanno piangere: amore, guerra e altro

La top ten dei film strappalacrime: pellicole (non solo) recenti, (non solo) d'amore per serate da trascorrere munite di fazzoletti alla mano.

 
Il grande classico dei film che fanno piangere: "I Ponti di Madison County" diretto ed interpretato da Clint Eastwood con Meryl Streep.




I ponti di Madison County

Francesca (Meryl Streep) e Robert (Clint Eastwood) si conoscono per caso: lei è una casalinga 45enne, lui un fotografo poco più grande. Tra i due l’amore scatta al primo sguardo e li accompagna per tutta la vita: pur essendosi amati solo per quattro giorni, non dimenticheranno mai l’alchimia che li ha uniti. Lui le propone di fuggire ma lei torna al focolare, rinunciando all’amore della sua vita.
 
Copyright foto: Olycom

La vita è bella


Vincitore di 3 premi Oscar, il film è diretto e interpretato da Roberto Benigni.


Tanto struggente quanto poetico, il film che ha conquistato Hollywood vincendo 3 premi Oscar è una favola moderna su una della pagine più tragiche del Novecento: nel tentativo disperato di proteggere il figlio dall'orrore della realtà, un padre maschera l'Olocausto in un gioco a punti. Intriso di speranza e coraggio l'uomo è disposto a tutto, anche ad andare incontro alla morte con il sorriso, pur di salvaguardare ciò che di più caro ha al mondo.

Copyright foto: YouTube   

Big Fish - Le storie di una vita incredibile


Tim Burton racconta la vita di Ed Bloom, un narratore di professione costretto a fare i conti con la realtà.


Uscito nel 2003, la pellicola di Tim Burton è un capolavoro di poesia e meraviglia: costretto a fare i conti con la vita che sfugge di mano, dopo una vita passata a raccontare e costruire storie fantasmagoriche, Ed Bloom (che da giovane ha il volto di Ewan McGregor e da anziano di Albert Finney) si racconta al figlio snocciolando una vita intrisa d'amore e magia.

Copyright foto: YouTube 

Blue Valentine


Interpretato da Michelle Williams e Ryan Gosling, il film racconta il disperato tentativo di resuscitare un amore finito.


Dean (Ryan Gosling) e Cindy (Michelle Williams) si conoscono per caso, per caso diventano una famiglia e a tutti i costi cercano di tenerla unita, di far durare quell'amore faticoso e stremato dalle prove del tempo. Invano: dopo un'ultima notte d'amore in un motel passata a rivivere e rivangare, nonostante tutto, si dicono addio. Delicato, autentico, dal finale straziante ma per nulla retorico: un piccolo (e assai commuovente) capolavoro.  

Copyright foto: YouTube

Espiazione


Ispirato al libro di Ian McEwan, "Espiazione" indaga le terribili conseguenze di un errore.


Il tragico errore di una bambina inglese (Romola Garai), secondogenita di una famiglia della decadente borghesia inglese del 1935, segna per sempre la vita della sorella maggiore (Keira Knightley) e del suo amato (James McAvoy), il figlio della governante. Oltre che la sua, ovviamente, lacerata da quel gesto che ha spezzato un amore, condannato due anime a separarsi e lei a vivere all'insegna dell'espiazione.  

Copyright foto: YouTube

Il curioso caso di Benjamin Button


Brad Pitt e Cate Blanchett sono protagonisti del film diretto da David Fincher, basato su un racconto di Francis Scott Fitzgerald.


Invece di invecchiare come tutti, a mano a mano che gli anni passano, Benjamin Button (Brad Pitt) ringiovanisce. Quella che può sembrare una fortuna è in realtà una condanna: dopo aver inseguito Daisy, la donna che ama (Cate Blanchett) e aver dato alla luce un figlio, consapevole del suo destino, la abbandona, augurandole di ricostruirsi una vita. Benjamin va alla scoperta del mondo finché, affetto di demenza senile ma con le sembianze di un 11enne, finirà di nuovo tra le braccia di Daisy che se ne prenderà cura fino alla fine, quando, neonato, morirà.    

Copyright foto: YouTube

Million Dollar Baby


Diretto da Clint Eastwood, "Million Dollar Baby" è la struggente parabola di una pugile.


Maggie Fitzgerald (Hilary Swank) ha 30 anni e sogna di diventare una campionessa di pugilato: obiettivo che realizza grazie alla sua tenacia e agli insegnamenti di Frankie Dunn (Clint Eastwood, nei panni di attore e regista della pellicola) anziano manager conquistato, dopo l’iniziale ritrosia, dall’energia della ragazza. A completare il trio si aggiunge l’ex-pugile Scrap (Morgan Freeman). A distruggere la parabola della felicità un incontro finito male dai risvolti tragici. Vincitore di quattro premi Oscar la pellicola va vista con diversi pacchetti di fazzoletti a portata.

Copyright foto: Kika Press

My Life


Impossibile guardare "My Life" senza consumare diversi pacchetti di fazzoletti.


Lei ha il volto di Nicole Kidman, lui di Michael Keaton, sono marito e moglie, si amano, presto avranno un figlio. L'idillio si spezza quando lui si ammala di cancro: nel poco tempo che gli resta da vivere decide di filmarsi per affidare alla telecamera le riflessioni di quel padre che il figlio che verrà non farà in tempo a conoscere.

Copyright foto: YouTube 

Non lasciarmi


"Non lasciarmi" è basato sull'omonimo romanzo di Kazuo Ishiguro, nato dove fu clonata la pecora Dolly.


Kathy (Carey Mulligan), Ruth (Keira Knightley) e Tommy (Andrew Garfield) crescono nello sperduto collegio inglese di Hailsham. Privi di passato, scoprono di essere dei cloni umani destinati a diventare donatori di organi agli umani malati e perciò condannati a non provare emozioni. La realtà, però, è diversa: tra i tre ragazzi l’amicizia si mescola all’amore, i rapporti sono complicati e la speranza di aver diritto a una vita normale non li abbandona mai. Una pellicola struggente sull’attaccamento alla vita e all’amore, nonostante tutto, contro tutto.

Copyright foto: YouTube

Colpa delle stelle


"Colpa delle stelle", diretto da Josh Boone e ispirato all'omonimo romanzo di John Green.


Hazel (Shailene Woodley) e Augustus (Ansel Elgort) sono due giovani malati di cancro che frequentano un gruppo di supporto. Nonostante il loro tempo sia contato e il destino segnato s'innamorano come solo due adolescenti possono innamorarsi, regalandosi il grande amore. In punta di piedi, con ironia e intelligenza, la pellicola racconta come da una tragedia possa diventare una favola e la vita trovare un senso. 

Copyright foto: YouTube

Still Alice

Per il suo ruolo in Still Alice, Julianne Moore si è aggiudicata l'Oscar.


Scritto e diretto dalla coppia (anche nella vita) Richard Glatzer-Wash Westmoreland, Still Alice è il film drammatico che racconta una giovane donna (Julienne Moore, premio Oscar 2015 per l’interpretazione) alle prese con l’Alzheimer.

Basato sul romanzo omonimo della neuroscienziata Lisa Genova, Still Alice porta sul grande schermo la malattia e la deriva di una donna emancipata e intelligente che si ritrova ad annaspare nella sua stessa vita, a confondere il passato, a dimenticare il nome della sua primogenita, una vita intera. Nel cast anche Kristen Stewart e Alec Baldwin, rispettivamente nel ruolo di figlia e marito.  

Copyright foto: Kika Press

Julieta

Julieta, di Pedro Almodovar, il film strappalacrime su un difficile rapporto tra madre e figlia.


Julieta è il film commuovente che Pedro Almodóvar ha presentato al Festival di Cannes 2016 per raccontare il difficile rapporto tra una madre e una figlia. Julieta (Emma Suárez) e Antía non hanno più contatti da 12 anni e un incontro casuale con un’amica della figlia, induce la madre a riprendere in mano il passato e a raccontare in una lunga lettera tutta la verità, tra scelte difficili e una depressione mai risolta.

Copyright foto: YouTube

Io prima di te

Io Prima Di Te, il film commuovente che ha conquistato un People’s Choice Awards.


A proposito di film commuoventi e strappalacrime, Io prima di te di Thea Sharrock ha un posto d’onore. Se il messaggio fondamentale è l’imprevedibilità della vita e dell’amore (senza lieto fine, purtroppo), la presa di coscienza dei protagonisti è intrisa di ottimismo e poesia. La 26enne Louisa "Lou" Clark (Emilia Clarke) si ritrova a fare da assistente all’affascinante, giovane e ricco banchiere Will Traynor (Sam Claflin), costretto su una sedia a rotelle dopo un incidente. La storia d’amore che nasce tra i due cambia le prospettive ma non l’ineluttabilità della vita.

Copyright foto: YouTube

Carol

Carol, il film drammatico su un amore tra donne.


Carol (Cate Blanchett) è un’elegante newyorkese eterosessuale nel bel mezzo di un divorzio difficile. A stravolgere la sua vita e le sue certezze è Therèse (Rooney Mara), una donna giovane, ambiziosa e corteggiata da parecchi uomini: tra le due scatta una scintilla, esplode l’amore ma la società, la New York degli anni Cinquanta dove l’amore omosessuale è considerato al limite della sociopatia, rende tutto difficile ma non impossibile. Commuovente e toccante: preparate i fazzoletti.

Copyright foto: Kika Press

Brooklyn

Brooklyn, il commuovente film sull'emigrazione racconta la nostalgia e la scoperta.


Adattato per il grande schermo da Nick Hornby, Brooklyn è il commuovente e romantico film che racconta la parabola di un'emigrante irlandese a New York. La giovane Ellis (Saoirse Ronan) fa prima i conti con la nostalgia di casa e con la solitudine d’Oltreoceano, poi con la vita nuova che sboccia, portando l’amore e spalancando un futuro tutto da vivere.

Copyright foto: YouTube

Il Figlio di Saul

Il Figlio di Saul: la pellicola commuovente che porta al cinema la Shoa.


Vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes 2015, Il figlio di Saul è il film drammatico che porta sul grande schermo la Shoa e la solidarietà tra gli uomini. Il protagonista è l’ungherese Saul Ausländer, uno dei prigionieri del Sonderkommando - il gruppo composto da ebrei isolati dagli altri nei campi -, che un giorno assiste all’uccisione di un ragazzo sopravvissuto alla camera a gas: deciso a dargli degna sepoltura, Saul cerca un rabbino.

Copyright foto: Kika Press

La Corrispondenza

La Corrispondenza, di Giuseppe Tornatore, un film romantico e strappalacrime su un amore 2.0.


Ecco un film d’amore strappalacrime in salsa 2.0: La Corrispondenza, di Giuseppe Tornatore, racconta la storia di un amore impossibile, che però non demorde. Amy (Olga Kurylenko) ed Ed (Jeremy Irons) sono, rispettivamente, una studentessa di astronomia (a tempo perso controfigura cinematografica) e un professore universitario con moglie a casa: la relazione tra i due va avanti per 6 anni, per lo più attraverso lo schermo di un computer.

Copyright foto: YouTube

Freeheld - Amore, giustizia, uguaglianza

Freeheld: il film drammatico sui diritti dei gay basato su una storia vera.


Laurel Hester (Julianne Moore) e Stacie Andree (Ellen Page) sono due donne che si amano di un amore vero contro ogni pregiudizio: si sposano, mettono su casa e piantano fiori in giardino finché il tumore distrugge i loro sogni e le catapulta in una battaglia civile per la conquista dei diritti degli omosessuali. Basato su una storia vera, Freeheld è un film che fa piangere e riflettere.

Copyright foto: YouTube
Il documento intitolato « Film che fanno piangere: amore, guerra e altro » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.