Isoptin®: a cosa serve

Fai una domanda
Isoptin® è un farmaco indicato nel trattamento e nella prevenzione di diverse malattie cardiovascolari come l’angina pectoris, l’ipertensione arteriosa, la tachicardia e le crisi cardiache. Si somministra per via orale sotto forma di capsule gelatinose e compresse o endovena in soluzione iniettabile.


Principio attivo dell’Isoptin®

Isoptin® contiene verapamil, un inibitore del calcio. Questa molecola migliora il funzionamento del cuore e regola il ritmo cardiaco, riducendo il numero delle contrazioni miocardiche e rilascia le pareti delle arterie facilitando una migliore circolazione del sangue. Questo farmaco permette di trattare l’angina pectoris (angor), l’ipertensione e le tachicardie. È, inoltre, prescritto per evitare le recidive in persone che sono state vittime di crisi cardiache quando non si può effettuare un trattamento a base di betabloccanti. La posologia raccomandata varia in funzione del disturbo da trattare: in caso di angina si consigliano 2 capsule gelatinose da 120 mg al giorno in 2 assunzioni, per l’ipertensione o tachicardia 2 o 3 capsule gelatinose da 120 mg al giorno in 2 o 3 assunzioni e per l’infarto del miocardio 3 capsule gelatinose al giorno. È importante specificare che in caso di infarto del miocardio bisogna aspettare da 7 a 15 giorni prima di iniziare il trattamento.

Controindicazioni

Questo farmaco non deve essere somministrato se il paziente presenta una fibrillazione atriale, un blocco atrio-ventricolare di II o III grado, uno choc cardiogeno, un’insufficienza cardiaca o un infarto del miocardio, se ha una pressione arteriosa bassa inferiore a 90 mm di mercurio, se affetto da una disfunzione sinusale, se ipersensibile al verapamil o ad una delle altre sostanze che entrano nella composizione dell’Isoptin®, in caso di assunzione di farmaci a base di iperico o aliskiren o sertindolo o se è trattato con dantrolene in perfusione. Isoptin® è riservato all’adulto e all’adolescente, è controindicato nel bambino ed è sconsigliato nel 2° e 3° trimestre di gravidanza. Può essere utilizzato durante l‘allattamento purché il bambino sia monitorato fino al termine del trattamento.

Effetti collaterali

Diversi effetti collaterali possono manifestarsi nel corso del trattamento con l’Isotopin®. I più frequenti includono ipotensione e disturbi cardiaci. In alcuni casi (rari) questo farmaco determina disturbi digestivi (costipazione), mal di testa, tremori, vertigini, dolori muscolari e articolari, reazioni cutanee e gengiviti (infiammazioni delle gengive).

Isoptin® e cefalea a grappolo

Il verapamil (e quindi l’Isoptin®) è prescritto anche per il trattamento della cefalea a grappolo. Alcuni recenti studi hanno però messo in evidenza il possibile presentarsi di effetti collaterali di origine cardiaca in pazienti affetti da cefalea a grappolo e trattati con questi farmaco.