Arixtra®: scheda tecnica

Fai una domanda
Arixtra® è un farmaco usato principalmente in ambito ospedaliero a scopo profilattico. Si presente come siringa preriempita e si somministra per via sotto cutanea.


Indicazioni

Arixtra® è utilizzato in chirurgia digestiva ed ortopedica per ridurre il rischio di trombosi ed embolia prima di pesanti interventi chirurgici, per esempio ablazione di un tumore maligno addominale, frattura di anca o posiziona mento di una protesi (d’anca o di ginocchio). Inoltre, è a volte prescritto in profilassi a persone con episodi trombo-embolici, soprattutto se soffrono di insufficienza cardiaca o di una grave infezione. Questo farmaco è infine indicato nella terapia delle trombosi superficiali degli arti inferiori.

Dose

La somministrazione dell’Arixtra® avviene per via sottocutanea tramite un’iniezione praticata con una siringa preriempita.Il dosaggio raccomandato è di 25 mg al giorno. In caso di chirurgia digestiva o ortopedica la soluzione deve essere iniettata almeno 6 ore dopo l’intervento. La durata del trattamento varia secondo il paziente.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Arixtra® è controindicato in soggetti con infiammazioni delle pareti delle valvole cardiache provocata da un batterio (endocardite batterica), un’importante emorragia, un’insufficienza renale severa o un’ipersensibilità ad uno degli eccipienti.
Arixtra® contiene fondaparinux, un principio attivo che può determinare effetti collaterali come sanguinamenti e anemia. Questo farmaco può, inoltre, provocare altri effetti indesiderati come nausea, vomito, disturbi epatici ed edemi.

Arixtra® ed emorragia

È necessario osservare una particolare cautela se sussiste un rischio reale di emorragia per esempio se il paziente è affetto da disturbi della coagulazione. Il rischio di emorragia nei soggetti che assumono Arixtra® è maggiore negli anziani, nelle persone che pesano meno di 50 kg o che hanno problemi renali (con un tasso di creatina inferiore a 20 ml al minuto).