Embolia: cause e sintomi

Fai una domanda
L' embolia è un'improvvisa occlusione di un vaso sanguigno (di frequente, un'arteria) o linfatico da parte di un embolo.


Embolo ed embolia cerebrale

L’embolo è un corpo estraneo nel sistema cardiocircolatorio: può trattarsi di un coagulo di sangue, un accumulo di germi, e via dicendo. Tra le forme più gravi di embolia vi sono l’embolia cerebrale e l’embolia polmonare.
L'embolia cerebrale è dell’occlusione di un arteria del cervello, più spesso nell'emisfero sinistro, da parte di un embolo.

Sintomi

I sintomi di embolia sono improvvisi, in particolare si ha una perdita di coscienza, talvolta convulsioni e uno stato quasi comatoso, non profondo.

Embolo al cervello: conseguenze

Anche se lo stato di incoscienza è temporaneo, si possono determinare l'ischemia e l'infarto cerebrale, con la necrosi del tessuto cerebrale, che porta a emiplegia (paralisi della metà del corpo) e danni neurologici.

Embolia polmonare

Si tratta dell'occlusione dell'arteria polmonare, o di un ramo di essa, da parte di un embolo. Viene anche chiamata tromboflebite o trombosi venosa profonda.

Sintomi

Gli emboli polmonari piccoli sono asintomatici. Quando si tratta di eventi importanti, i sintomi sono estremamente variabili, vanno dalla dispnea a senso di oppressione, con mani e piedi freddi e coperti di sudore. Spesso sopraggiungono singhiozzo e dolori retrosternali.

Cura

La terapia è farmacologica o chirurgica, per rimuovere, sciogliere o prevenire un ulteriore aumento dell’embolo.


Foto: © alila - 123RF