Perindopril: indicazioni, posologia ed effetti secondari

Fai una domanda
Il perindopril è un inibitore dell’enzima di conversione dell’angiotesina. Questa molecola è presente nella composizione di alcuni farmaci utilizzati per il trattamento dell’ipertensione arteriosa.



Utilizzo

Gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotesina sono utilizzati per ridurre la pressione esercitata sui vasi sanguigni in caso di pressione arteriosa alta. Infatti, questa sostanza attiva premette di inibire il processo della metabolizzazione dell’angiotesina I in angiotesina II. Ma il perindopril può ugualmente essere indicato nel trattamento dell’insufficienza cardiaca congestizia, una patologia coronaria o cardiaca stabilizzata. Per il trattamento dell’ipertensione arteriosa, la dose giornaliera raccomandata è abitualmente di 4 mh. La posologia, a seconda del caso preciso, può essere eventualmente aumentata.

Proprietà

Questa sostanza è principalmente indicata in caso di ipertensione, anche se permette di diminuire il rischio di un evento cardiovascolare o di recidive in pazienti che presentano fattori di rischio importanti o che hanno già subito un infarto del miocardio. Per quanto riguarda i farmaci contenenti questa sostanza, essendo il brevetto della molecola scaduto nel 2003, molti laboratori farmaceutici e case di produzione hanno sviluppato farmaci generici, tra esse da ricordare Mylan, Biogaran, Sandoz, Actavis, Servier, Arrow, EG, Evolugen, Isomed, PHR Lab, Ratiopharm.

Controindicazioni

Il perindopril non deve essere prescritto nei casi seguenti: ipersensibilità al principio attivo del perindopril o ad uno degli eccipienti contenuti nella composizione del farmaco prescritto: antecedenti di angiodermia conseguenti all’assunzione di un inibitore dell’enzima di conversione; in caso di angiodermia ereditaria; se si segue un trattamento a base di aliskiren in pazienti diabetici e che presentano insufficienza renale; in caso di intolleranza al lattosio.

Effetti indesiderati

I principali effetti secondari manifestabili in caso di somministrazione del perindopril sono: sonnolenza, diarrea, ipotensione, edema alle mani, ai piedi o alle caviglie; stanchezza, gusto metallico in bocca, vertigini, tosse secca. Questi sintomi restano generalmente benigni, tuttavia è bene consultare il medico in caso si manifestino.