Pravastatina: indicazioni, posologia ed effetti collaterali

Fai una domanda
La pravastatina è un ipolipidemizzante che appartiene alla famiglia delle statine, dei farmaci utilizzati per combattere l’ipercolesterolemia.


A cosa serve

Come tutti i fibrati e le statine, la pravastatina non deve essere prescritta che in seconda intenzione, nei casi in cui una dieta adatta e la pratica di attività fisica regolare non sono riuscite ad abbassare il tasso del colesterolo cattivo (LDL). Commercializzata sotto diversi nomi, la pravastatina è una sostanza attiva impiegata per combattere l’eccesso di colesterolo cattivo. Essa è venduta sotto forma di compresse per la somministrazione orale. La posologia varia secondo i pazienti e le compresse sono da assumere la sera con un bicchiere d’acqua, durante o fuori i pasti.

Proprietà

Come tutte le statine, la pravastatina esercita un’azione ipocolesterolemizzante una volta liberata nell’organismo. La sua azione consiste a impedire la fabbricazione di colesterolo cattivo da parte del fegato neutralizzando un enzima implicato in questo processo. La pravastatina riduce ugualmente la produzione di trigliceridi.

Farmaci contenenti pravastina

Esistono diversi farmaci a base di pravastatina, tra questi: Pravaselect ®, Prasterol ®, Aplactin ®, Pravastatina Alt ®, Pravastatina Zent ®, Pravastatina Ang ®, Pravastatina Ratio ®, Selectin ®, Adrestat ®, Vasticor ®, Rastanit ®, Pravastatina Tecnig ®, Langiprav®, Pravastatina Auro ®, Pravastatina Sandoz ®, Almus ® e Auro ®.

Controindicazioni ed effetti collaterali

La pravastatina non deve essere somministrata in caso di gravidanza ed allattamento né in caso di patologie gravi che colpiscono il fegato. I farmaci a base di pravastatina possono essere spesso responsabili di mal di testa, stanchezza, vertigini e disturbi digerenti. Esiste un rischio di avere crampi muscolari associati alle statine, che possono provocare gravi complicazioni. Se i disturbi muscolari appaiono, il trattamento deve essere sospeso nell’immediato. Tuttavia è bene consultare il medico.