0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Naprosyn®: foglio illustrativo

Il Naprosyn® è un antinfiammatorio non steroideo indicato nel trattamento di alcuni dolori e infiammazioni. La sua somministrazione è riservata agli adulti.


Indicazioni

Naprosyn® è prescritto soprattutto per alleviare i dolori o attenuare i processi infiammatori in atto in patologie come reumatismi infiammatori (spondiloartrite anchilosante, poliartrite reumatoide), artrosi invalidante, lombalgie, reumatismi abarticolari (spalla dolorosa acuta, tendinite, borsite).
Naprosyn® è prescritto generalmente agli adulti, ma può essere, in alcuni casi, assunto a partire dai 15 anni.
La posologia raccomandata solitamente per un trattamento d’attacco è di 1000 mg al giorno.

Controindicazioni

Questo antinfiammatorio non steroideo (FANS) non deve essere somministrato in caso di ipersensibilità alla sostanza attiva (ai FANS o ad uno degli eccipienti contenuti nel farmaco), precedenti di emorragia, precedenti di perforazione digestiva, ulcera peptica, gravidanza, insufficienza cardiaca severa, insufficienza renale severa, insufficienza epato-cellulare severa.

Effetti collaterali

L’assunzione regolare di Naprosyn® può causare effetti collaterali come disturbi gastrointestinali (nausea, vomito, diarrea, costipazione, bruciori di stomaco), reazioni allergiche (orticaria, asma, edema di Quinke, choc anafilattico), disturbi neurologici (mal di testa, vertigini, sonnolenza), disturbi oftalmici e disturbi dell’udito.

Principio attivo e precauzioni d’uso

La sostanza attiva del Naprosyn®è il naprossene. Questo derivato dell’acido aryl-carbossilico associa un’azione antinfiammatoria ad un’attività antalgica ed antipiretica. Inoltre, inibisce la funzione piastrinica, cosa che alla lunga può indebolire il sistema immunitario del paziente, rendendolo più sensibile alle infezioni virali. È questo il motivo per cui la somministrazione di Naprosyn®®inizia con una posologia minimale: al fine di limitare al massimo il sopraggiungere di potenziali effetti sistemici.
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo