Mysoline®: compendium del medicinale

Fai una domanda
Il Mysoline® è un medicinale a base di primidone appartenente alla classe farmacologica degli antiepilettici. I suoi effetti calmanti e rilassanti lo rendono utile nel trattamento di alcuni tipi di epilessia.


Indicazioni

Trattandosi di un farmaco antiepilettico il Mysoline® è principalmente utilizzato per trattare l’epilessia con crisi generalizzate clonico toniche e/o tonico-cloniche e l’epilessia parziale con crisi parziali.
Questo medicinale può essere somministrato nell’adulto, nel bambino e nel lattante sia in monoterapia che in associazione con altre sostanze antiepilettiche. La posologia abituale differisce in funzione dell’età del paziente, ma nell’adulto il dosaggio raccomandato è di 10-20 mg per chilo.

Controindicazioni

La somministrazione di Mysoline® è fortemente controindicata in situazioni di ipersensibilità alla sostanza attiva o ad uno degli eccipienti contenuti nel farmaco, porfiria, trattamenti a base di iperico e/o di voriconazolo severa insufficienza respiratoria.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali del Mysoline® possono essere disturbi ematologici e/o linfatici (anemia megaloblastica, linfoadenopatia, leucopenia), reazioni consecutive ad un’ipersensibilità (febbre, eruzioni cutanee, eosinofilia, disturbi epatici), carenza di vitamina D, disturbi neurologici (sonnolenza, vertigini, atassia), nausea e/o vomito, disturbi muscolo scheletrici e sistemici (osteomalacia, riduzione della densità minerale ossea, osteoporosi, osteopenia, fratture) e stanchezza.

Precauzioni d’uso

L’utilizzo del Mysoline® deve essere sottoposto a un controllo medico regolare ed assiduo. È, inoltre, indispensabile il rispetto della posologia prescritta perché esiste il rischio di sovradosaggio. Un’assunzione inappropriata di questo farmaco si manifesta con sonnolenza, nausea e/o atassia. In presenza di questi sintomi è d’obbligo consultare immediatamente il proprio medico o recarsi in un Pronto Soccorso ospedaliero. Può essere necessaria una lavanda gastrica in relazione al grado di intossicazione.