0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Film d’amore: pellicole per cuori (non solo) romantici

Ecco una selezione delle più belle pellicole che hanno raccontato l'amore in tutte le sue sfaccettature. 

"Carol", interpretato da Cate Blanchett e Rooney Mara racconta l'amore tra due donne.


Ambientato nella New York dei primi anni 50, Carol racconta l'amore fra due donne in un'epoca in cui l'omosessualità era considerata un tabù estremo, al limite della sociopatia. Carol (Cate Blanchett), elegante signora alle prese con un divorzio difficile e Therèse (Rooney Mara), giovane donna corteggiata da più uomini e tanti sogni per la testa, si piacciono al primo instante. Le due si cercano, s'incontrano, si trovano e si amano, sfidano i pregiudizi in un viaggio che porta dritti al centro del cuore.

Copyright foto: Kika Press

Autumn in New York


"Autumn in New York" racconta il triste amore tra Richard Gere e Winona Ryder.


Era dai tempi di Love Story che un film d’amore non faceva inzuppare tanti fazzoletti: Autumn in New York è tanto dolce quanto straziante. Will (Richard Gere) è un rubacuori che s’innamora di Charlotte (Winona Ryder), una ragazza molto più giovane di lui malata di tumore che lo costringe a fare i conti con il passato e con la vita: i due hanno solo un autunno a New York per amarsi, il resto è una valle di lacrime.

Copyright foto: YouTube

La guerra dei Roses


"La guerra dei Roses", ovvero le tragiche conseguenze che può prendere l'amore.


Raccontata dall’avvocato Gavin D'Amato (Danny DeVito), la storia d’amore tra Oliver (Michael Douglas) e Barbara Rose (Kathleen Turner) attraversa tutte le sfaccettature che può avere una relazione: la passione dei primi tempi, il matrimonio, i figli, la casa nuova da arredare. E poi il sentimento che si sfilaccia, la noia, le litigate, sempre più furiose, il divorzio che s’insinua nella testa di uno dei due come un tarlo, fino al tragico epilogo, di certo sconsigliato a chi crede nelle famiglie a lieto fine. 

Copyright foto: YouTube

Harry ti presento Sally


"Harry ti presento Sally" ovvero l'amore che non si prende sul serio.


"Uomini e donne non possono essere amici, perché il sesso ci si mette sempre di mezzo", dice Harry (Billy Crystal) quando conosce Sally (Meg Ryan), in occasione del viaggio in auto che i due giovani neolaureati fanno insieme da Chicago a New York. Inizia così una delle commedie romantiche più divertenti del grande schermo dove i protagonisti, fino all’ultimo, fanno di tutto per non innamorarsi l’uno dell’altro, opposti come sono. 

Finché, anni e anni dopo aver costruito un’amicizia, cambia tutto e la sera di un capodanno lui le fa la seguente (strepitosa) dichiarazione: "Ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi. Ti amo quando ci metti un'ora a ordinare un sandwich. Amo la ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo. Mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf, e sono felice che tu sia l'ultima persona con cui chiacchiero prima di addormentarmi la sera. E non è perché mi sento solo, e non è perché è la notte di capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile". Impossibile resiste alle lacrime (di gioia): anche qui, i due vissero felici e contenti.

Copyright foto: YouTube

Vi presento Joe Black


"Vi presento Joe Black", l'amore oltre la morte: preparate i fazzoletti.


"Fare il viaggio e non innamorarsi profondamente, beh, equivale a non vivere" dice William "Bill" Parrish (Anthony Hopkins) il miliardario che con i suoi aforismi sull’amore ha scomodato l’Angelo della morte, Joe Black (Brad Pitt). Un angelo curioso, che arriva sulla Terra per conoscere l’uomo capace di emozioni così profonde e finisce per innamorarsi della di lui figlia, Susan Parrish (Claire Forlani). In bilico tra vero e verosimile, i due vivono una meravigliosa storia che ha i giorni contati e, alla fine, lascia la povera Susan senza padre e amante. Ma non senza speranza.

Copyright foto: YouTube

Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore


"Moonrise Kingdom": l'amore vissuto con gli occhi puri dei bambini.


Sam e Suzy hanno 13 anni, si amano e progettano una fuga d’amore. Lui, orfano dodicenne, scappa dal gruppo di scout di cui fa parte portandosi via alcuni attrezzi e provviste; lei, insieme al suo gattino, evade dalla sua bizzarra famiglia composta da tre fratellini, la madre Laura e il padre Walt. Mentre la loro scomparsa scombussola l'intera contea, i due piccioncini innamorati (che hanno pensato a tutto) piazzano la loro tenda nella baia dell'isola che ribattezzano Moonrise Kingdom, ballano sulla spiaggia, si baciano e vanno a dormire insieme. Una dolcissima fuga che ha le ore contate… 

Copyright foto: Kika Press

Moulin Rouge


"Moulin Rouge": l'amore per una cortigiana ispirato a La Traviata di Giuseppe Verdi.


"La cosa più grande che tu possa imparare è amare e lasciarti amare", parola di Christian (Ewan McGregor) che in Moulin Rouge è il timido scrittore innamorato (e corrisposto) di Satine (Nicole Kidman), la star senza troppi scrupoli del teatro parigino, disposta a concedersi al duca di Monroth (Richard Roxburgh) pur di intraprendere la strada del successo. Tra equivoci esilaranti e l’incubo del mal sottile, la tubercolosi, il musical ispirato a La Traviata di Giuseppe Verdi è una meravigliosa storia d’amore senza lieto fine

Copyright foto: Kika Press

Pretty Woman


Indimenticabile l'amore della moderna Cenerentola in "Pretty Woman".


Diretta da Garry Marshall e interpretata da Richard Gere e Julia Roberts, Pretty Woman è l'indimenticabile pellicola che nel 1990 ha raccontato al cinema la storia d'amore di una moderna CenerentolaEdward, un affarista miliardario, incontra Vivian, una giovane prostituta di Los Angeles, sulla Hollywood Boulevard. Lei accetta di dargli le informazioni richieste in cambio di denaro: Edward alza la posta e il mattino dopo le propone di restare con lui per un'intera settimana a una cifra esorbitante. Tra gag divertenti e memorabili, tra i due nascerà, ovviamente, l'amore. E poi vissero felici e contenti.  

Copyright foto: Kika Press

Hungry Hearts


"Hungry Hearts", ovvero come l'amore si complica quando arriva un figlio.


Mina (Alba Rohrwacher) e Jude (Adam Driver) s’incontrano per caso, nella toilette di un ristorante cinese a New York. Per caso s’innamorano perdutamente e per caso lei rimane incinta. Dopo i primi dubbi Mina si convince che il suo bambino sarà speciale come le ha predetto una chiromante e decide che lo crescerà al riparo dal mondo esterno, nutrendolo con frutta e verdura che coltiva sul terrazzo. Inizialmente Jude l’asseconda ma a mano a mano che il tempo passa e il piccolo è sempre più magro, i dubbi sulle posizioni estremiste della madre che non corrisponde più alla donna di cui si è innamorato, si fanno certezze e alla fine trasferisce il figlio dalla nonna, scatenando l’ira funesta della madre. L’epilogo del film diretto da Saverio Costanzo che racconta l'arte del perdono è tanto tragico quanto salvifico. 

Copyright foto: Kika Press

Lontano dal Paradiso


"Lontano dal paradiso", ovvero il più temuto e insospettabile dei triangoli amorosi.


Lontano dal Paradiso, la vita è piena di (brutte) sorprese e quella che sembra una famiglia perfetta, in realtà fa acqua da tutte le parti: Frank Whitaker (Dennis Quaid), manager affermato e padre di famiglia, si diverte ad abbordare giovani uomini con cui tradisce la moglie Cathy (Julianne Mooreche, dal canto suo, oltre ad essere una perfetta casalinga, se la intende con il giardiniere di colore e anche se tra i due non c'è niente di più di un'affettuosa amicizia, siamo negli anni Cinquanta, la società è intrisa di tabù e le scelte d’amore sono necessarie, oltre che dolorose. 

Copyright foto: YouTube
Il documento intitolato « Film d’amore: pellicole per cuori (non solo) romantici » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.