0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Secrezioni vaginali: tutto sulla ciprina

Il liquido secreto dalla donna è chiamato ciprina. Queste perdite bianche diventano più consistenti durante i rapporti sessuali e, al pari dell’eiaculazione maschile, sono simbolo di piacere quando si fa l’amore. Ecco cosa bisogna sapere sulle secrezioni vaginali.

La ciprina è il liquido secreto dalla donna e corrisponde a delle piccole perdite bianche che si intensificano durante i rapporti sessuali.


Se per l’eiaculazione maschile si parla di sperma, per le secrezioni vaginali delle donne parliamo di ciprina. Queste perdite bianche, infatti, sono presenti prima e dopo il ciclo mestruale, ma anche durante i rapporti sessuali, per sottolineare l’eccitazione e il piacere. Delle volte, se più abbondanti del solito e di un colore diverso, potrebbero essere un campanello d’allarme per un’infezione vaginale in vista.

La ciprina, che cos’è esattamente?

Tutti la conoscono. Eppure, il termine ciprina è sconosciuto alla stragrande maggioranza degli uomini e delle donne. Il termine, coniato da un francese in riferimento all’isola di Cipro, designa le secrezioni femminili durante l'eccitazione sessuale. La ciprina viene rilasciata dalle ghiandole di Bartolini che, situate da entrambi i lati della vulva, entrano in azione durante l'eccitazione, secernendo la ciprina. Grazie a (o a causa di) questo liquido, la donna non può barare sulla propria eccitazione: la prova è fisiologica.

La ciprina durante l'eccitazione sessuale

La ciprina lubrifica le pareti interne della vagina e le piccole labbra della donna per facilitare la penetrazione del pene. L'assenza, o l'insufficienza di ciprina, può rendere il rapporto sessuale può doloroso: ecco perché esistono i lubrificanti. L'aspetto del fluido vaginale è simile al liquido pre-eiaculatorio secreto dagli uomini. Ma a seconda di diverse variabili, (come la fase del ciclo mestruale, l'alimentazione, l'uso di droghe, certi fattori genetici o delle infezioni), l'odore, il sapore, il colore e la consistenza del liquido potrebbero cambiare. 

Copyright foto: Fotolia

Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo