Perdite rosa: le possibili cause

Fai una domanda
Le perdite rosa possono presentarsi fisiologicamente prima e dopo il ciclo o essere spia di un disturbo.


Cosa sono le perdite rosa

Le perdite rosa sono secrezioni vaginali. Di norma le perdite vaginali risultano di colore bianco o trasparente, ma se la loro colorazione è rosa, questo può essere dovuta alla presenza di una piccola quantità di sangue. Questo tipo di perdite può presentarsi in diversi momenti della vita di una donna e può essere indice di una patologia.

Perdite rosa prima e dopo il ciclo

Manifestare perite rosa prima o dopo il ciclo non è sintomo di patologie. Prima del ciclo possono indicare l’approssimarsi dello stesso, mentre se compaiono a distanza di 2 o 5 giorni dopo la mestruazione, possono indicare il suo progressivo esaurimento. È importante tenere a mente che perdite rosa a metà del ciclo mestruale possono essere spia dell’ovulazione.

Perdite rosa in gravidanza

Se le perdite rosa in gravidanza si verificano agli inizi della gestazione indicano l'avvenuto impianto dell’ovulo fecondato nella mucosa uterina. Esse non vanno confuse con le perdite da aborto che risultano decisamente ematiche e quindi di un colore rosso scuro. Possono, inoltre, verificarsi anche al termine della gravidanza: in questo caso sono dovute alla pressione esercitata dal feto sul collo dell’utero, che subisce piccole abrasioni.

Perdite rosa dopo il rapporto

Delle perdite rosa dopo un rapporto sessuale si possono verificare come sintomo di lesioni e microtraumi della mucosa vaginale. La loro comparsa può essere causata da un rapporto troppo intenso o per motivi correlati alla scarsa lubrificazione della vagina. Se il disturbo compare più volte dopo il rapporto sessuale oppure indipendentemente da esso, va indagata la presenza di lesioni della vagina e/o del collo dell’utero: neoplasie, condilomi, fibromi, lesioni precancerose o polipi. In tali casi il consulto medico, da parte di un ginecologo di fiducia, può essere determinante la diagnosi di un eventuale disturbo.


Foto: © dolgachov -123RF

Potrebbe anche interessarti