0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Marcuzzi: i dettagli delle nozze da favola nella campagna inglese

Alessia Marcuzzi posta le foto e racconta su La Pinella, il suo blog, i dettagli delle nozze con Paolo Calabresi, celebrate lontano dai riflettori lo scorso 1°dicembre nella campagna inglese del Cotswold, vicino a Londra. 

Alessia Marcuzzi e Paolo Calabresi si sono sposati il 1° dicembre 2014 in gran segreto, nella campagna vicino a Londra.


Quello di Alessia Marcuzzi e Paolo Calabresi Marconi è stato un matrimonio segreto ma di certo non improvvisato. Repentino, questo sì, visto che l'hanno deciso solo due mesi fa e hanno fatto di corsa, ma altrettanto ben riuscito grazie alla sua cara amica, "l’incredibile Wonder Woman Alessandra Grillo" l'artefice di tanta meraviglia: "ha organizzato tutto nei minimi dettagli, senza di lei non sarei mai riuscita a fare tutto questo". Alla spicciolata Alessia Marcuzzi si confessa su La Pinella, il suo blog, posta le foto e spiega i retroscena delle nozze celebrate lontane dagli schiamazzi perché, confessa, "volevamo che quel giorno fosse tutto nostro e dei nostri cari, in un luogo dove non ci conoscesse nessuno. E direi che ce l’abbiamo fatta". Oltre ai parenti, spiega la Marcuzzi "io e Paolo abbiamo deciso di avere cinque testimoni a testa: Marella, Claudia, mia cugina Valentina, Ezia e Daniela per me e, Alessio, Luigi, Nicola, Daniele e Andrea per Paolo". Fine della lista degli invitati. Ma andiamo con ordine.

La decisione di convolare a nozze nella campagna inglese del Cotswold, non lontano da Londra, chiude il cerchio con la prima fuga d'amore dei neosposini: "abbiamo deciso di tornare lì per celebrare le nostre nozze - scrive Alessia -. Siamo andati a fare un giro nella campagna inglese e dopo varie ricerche, abbiamo trovato una chiesa cattolica molto vicina alla tenuta dove abbiamo soggiornato tutti per due giorni… un posto incantevole che non dimenticherò mai". La tenuta dove hanno trascorso i due giorni più felici delle loro vite, continua La Pinella, è quella di Aynhoe Park, "la stessa dove si è sposata Jade Jagger, la figlia del mitico Mick!"; il bouquet e il tripudio di rose, gigli e orchidee erano opera di "Giuseppe Armenise di Botlea, che ha curato, tra gli altri, il matrimonio di Justin Timberlake e Jessica Biel in Puglia, esattamente da dove Giuseppe è partito per Londra con tutti i fiori al seguito"; e "la torta era di una famosa cake designer inglese che si chiama Peggy Porschen, e questa l’ha creata appositamente per me". 

L'abito, un minidress che lasciava in bella mostra le gambe lunghe e affusolate, è del caro amico della coppia Giambattista Valli, già artefice dell'outfit scelto dalla bella Amal Alamuddin per la sua prima uscita pubblica dopo le nozze con George Clooney: "Grazie Giamba… è l’abito più bello e rock che io potessi mai desiderare, e non finirò mai di ringraziarti per quello che hai fatto in così poco tempo per me"; le scarpe "sono di Jimmy Choo e le ho comprate a Parigi due giorni prima di sposarmi". Le signore si sono presentate rispettando il dress code: i colori del bosco; gli uomini in tight, le bambine firmate La Stupenderia. I profumi e i sapori del pranzo erano italiani mentre le colazioni hanno rispettato la tradizione inglese. 

Insomma, un matrimonio da favola, per pochi intimi, con la sposa che è arrivata puntualissima e i suoi figli - Mia, avuta da Francesco Facchinetti e Tommaso, da Simone Inzaghi - al settimo cielo. E bravo Paolo, vien da dire citando la tua cara mogliettina, "l’unico che ha fatto capitolare una ragazzaccia un po’ anticonformista come me, trasformandomi in una romanticona senza precedenti!!!". 


Copyright foto: Kika Press
Il documento intitolato « Marcuzzi: i dettagli delle nozze da favola nella campagna inglese » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.