Esmya®: posologia e controindicazioni

Fai una domanda
Esmya® è prescritto a donne in età fertile per alleviare i sintomi del fibroma uterino, un tumore benigno che si sviluppa a livello dell’utero. L’efficacia di questo farmaco è data dalla presenza di ulipristal acetato, un principio attivo che contribuisce alla riduzione della dimensione del fibroma.


Posologia

Esmya® è indicato nella cura pre-operatoria di donne adulte, fertili, che presentano un fibroma uterino. Questo farmaco viene somministrato, previa prescrizione del medico, per via orale ed è venduto sotto forma di compresse.

La posologia abituale è di 5mg di ulipristal acetato al giorno (1 compressa) da assumere con un bicchiere d’acqua, durante o fuori i pasti, alla stessa ora del giorno. La durata del trattamento varia a seconda delle pazienti, ma non deve superare i 3 mesi. Se necessario è possibile ricominciare con altri cicli, in un secondo momento. Il primo ciclo deve iniziare durante la prima settimana di mestruazioni, poi i clic seguenti devono iniziare tra la prima e la seconda settimana di mestruazioni.

Nel caso ci si dimentichi una compressa, essa deve essere presa nell’arco delle dodici ore successive all’ora solita in cui si assume. Se il ritardo è superiore a questo lasso di tempo, la paziente deve attendere il giorno successivo, attendendo l’ora abituale di assunzione.

Controindicazioni

Esmya® è controindicato in caso di tumore al seno, tumore all’utero, alle ovaie, alle vertebre cervicali (collo), così anche nei casi di sanguinamenti vaginali che non sono provocati dal fibroma. L’utilizzo di questo farmaco è formalmente sconsigliato durante la gravidanza e l’allattamento e per quelle pazienti che presentano una sensibilità eccessiva al suo principio attivo o ad una delle altre sostanze presenti nelle compresse.

Effetti collaterali

La maggior degli effetti indesiderati associati al trattamento a base di Esmya® sono leggeri e tendono a scomparire spontaneamente. Tra questi, le amenorree (mancanza di mestruazioni) e vampate di calore sono le più frequenti; mentre è possibile che si verifichino casi di vertigine, mal di testa, disturbi digestivi, stanchezza, aumento di peso e acne.