Gutron®: effetti collaterali ed indicazioni

Fai una domanda
Gutron® è un farmaco antiipotensivo che si presenta sotto forma di compresse e il cui principio attivo è il cloridrato di midrodina. È possibile reperire in commercio questo farmaco sotto forma di gocce orali o di compresse.


Gutron® gocce e compresse

Gutron® è indicato nella terapia dell’ipotensione ortostatica severa, come si osserva in alcune patologie neurologiche degenerative come la malattia di Parkinson, la malattia di Shy Drager ecc. Il Gutron® è commercializzato in forma di compresse o in gocce orali che contengono il 14 % in volume di alcol.

Controindicazioni

Il Gutron® è un farmaco controindicato in particolare in soggetti che soffrono di disturbi cardiovascolari (ipertensione arteriosa, bradicardia, cardiopatia o patologia vascolare, malattia di Raynaud), disturbi urinari (ritenzione di urina, disturbi prostatici, insufficienza renale), glaucoma, retinopatia diabetica o feocromocitoma.

Effetti collaterali

I principali effetti collaterali del Gutron® sono disturbi cardiaci (bradicardia, angor, cardiopatia ischemica, ecc.), vascolari (ipertensione arteriosa in funzione della dose), digestivi (nausea, mal di pancia, vomito, diarrea, renali (disuria, ritenzione urinaria, ecc.), cutanei (prurito, vampate di calore, eruzioni cutanee, ecc.), nervosi (parestesie, mal di testa, stancabilità, insonnia, eccitabilità, irritabilità), psichiatrici (ansia, stato confusionale, ecc.)

Posologia

Poiché il Gutron® non è privo di effetti collaterali gravi, bisogna adattare la posologia in funzione del rapporto rischio/beneficio di ogni paziente. Generalmente in un primo tempo si assumono 2-3 compresse al giorno, per poi in seguito modificare la posologia ogni settimana in funzione dei risultati ottenuti. La maggior parte dei pazienti non hanno bisogno di più di 30 mg al giorno suddivisi in 3-4 assunzioni (non superare mai i 40 mg.al giorno). Il farmaco va preso di preferenza al momento di alzarsi e l’ultima assunzione deve avvenire al massimo 4 ore prima di coricarsi.