Mogadon®: bugiardino del farmaco in compresse

Fai una domanda
Il Mogadon® è un farmaco riservato all’adulto, utilizzato per i disturbi severi del sonno. Il suo principio attivo è il nitrazepam, molecola conosciuta per le sue numerose proprietà. Questo principio attivo ha un effetto ipnotico, sedativo e miorilassante. La sua somministrazione avviene per via orale (compresse).


Indicazioni

Il Mogadon® è prescritto a persone che soffrono d’insonnia provocata da un trauma (insonnia transitoria) o di una riduzione delle ore di sonno (insonnia occasionale). La dose abituale, da non superare, è di 5 mg al giorno, cioè 1 compressa. Per quanto riguarda la durata del trattamento varia col tipo di insonnia: di norma per l’insonnia transitoria si consiglia un’assunzione per 2-3 settimane, in caso di insonnia occasionale, invece dai 2 ai 5 giorni.
Le compresse vanno assunte la sera prima di coricarsi.

Controindicazioni

Il Mogadon® è controindicato in caso di sindrome da apnea del sonno, miastenia, insufficienza epatica o respiratoria severe. È, inoltre, sconsigliato durante la gravidanza e l’allattamento e a persone ipersensibili al nitrazepam, al lattosio o a un’altra sostanza che entri nella sua composizione.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali del Mogadon® sono generalmente leggeri e passeggeri e tendono a scomparire spontaneamente alla fine del trattamento o quando la posologia è ridotta. Tali effetti sono soprattutto mal di testa, vertigini, disturbi dell’umore e del comportamento, danni muscolari, disturbi della vista e amnesia. Esiste, inoltre, un rischio di sonnolenza durante la giornata, in particolare se il paziente non dorme abbastanza. I soggetti trattati con Mogadon® devono quindi essere molto attenti se guidano un veicolo o adoperano un macchinario.

Associazioni con altre sostanze

Evitare durante il trattamento l’assunzione di alcool e di farmaci depressivi del sistema nervoso centrale, poiché essi aumentano l’effetto sedativo del nitrazepam. Inoltre, se il paziente assume della buprenorfina deve essere attentamente sorvegliato per il rischio accresciuto di disturbi respiratori.