Incidente stradale: cosa fare?

Fai una domanda
Cosa fare quando ci si trova sul luogo di un incidente stradale? Non c’è bisogno di un brevetto per aiutare un ferito, si può essere utili avendo dei buoni riflessi e mantenendo il sangue freddo. Tre tappe: proteggere, allertare e soccorrere.


Proteggere

Prima di allertare i soccorsi e soccorrere voi stessi i feriti bisogna prima di tutto bisogna evitare sovraincidenti (incidenti che si aggiungono al primo). Posizionare il triangolo di segnalazione a monte (a circa 200 metri dal luogo dell’incidente). In mancanza del triangolo di segnalazione, parcheggiare la vettura con le quattro frecce a molte decine di metri di distanza. Spegnere il contatto dell’auto incidentata.

Allertare

Chiamare i soccorsi se la situazione risulta grave. Non dimenticare di lasciare il proprio recapito telefonico ai soccorsi, precisare il luogo esatto dell’incidente (indicare anche l’itinerario da seguire), e la natura di quest’ultimo: velocità al momento dell’impatto, numero di veicoli e vittime in causa, shock frontale o meno, ecc… Infine precisare lo stato delle vittime e la gravità apparente delle loro ferite.

Soccorrere

Liberare le vie respiratorie di un ferito incosciente aprendogli la bocca e la liberando da eventuali apparecchi dentali o sangue. In caso di emorragia a getto, comprimere l’arteria esercitando una forte pressione con il pungo chiuso appena sulla piaga.
In caso di bruciatura, aspergere la vittima di acqua fredda (non ghiacciata) per 15 minuti per limitare la profondità della lesione.

Cosa non fare

Non far bere il ferito, non applicare lacci emostatici, non spostare il ferito nel caso in cui questo sia stato espulso fuori dall’auto e in caso, non farlo uscire dalla vettura. Tuttavia per quest’ultimo caso ci sono due eccezioni: veicolo in fiamme o ferito in arresto cardio-respiratorio (caso in cui la rianimazione è necessaria).

FOTO:© Wang Tom/123RF

Potrebbe anche interessarti