0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Fabrizio Corona scarcerato: il re dei paparazzi è libero

Fabrizio Corona è libero e lascia il carcere di Opera per essere affidato (in prova) ai servizi sociali. Gli ammiratori dell'ex compagno di Nina Moric e Belén Rodriguez  gioiscono sui social citando "Mea Culpa": "Ora si riparte, #SIPUEDE".


Fabrizio Corona lascia il carcere di Opera e sarà affidato in prova ai servizi sociali.


Fabrizio Corona esce dal carcere. L’ex sovrano del foto-gossip ha lasciato nella mattinata di giovedì 18 giugno la cella del penitenziario milanese di Opera e, dopo tre anni e due mesi  di reclusione, sarà affidato alla Exodus di Don Mazzi, una comunità per tossicodipendenti. Chiuso così il primo capitolo di quello che lui stesso ha spesso definito “un calvario” grazie al giudice di sorveglianza del tribunale meneghino, Giovanna Di Rosa, che ha accolto l'istanza dei legali dell’ex compagno di Belén Rodriguez, Ivan Chiesa e Antonella Calcaterra

Non è dato sapere quanto durerà l’affidamento in prova ai servizi sociali, né le mansioni che l’ex marito di Nina Moric dovrà svolgere nella comunità, l’unica certezza è che la pena complessiva resta quella di 13 anni (dopo l’annullamento della Cassazione allo sconto che avrebbe portato gli anni complessivamente a 9) per i reati accumulati che vanno dall’estorsione aggravata ai danni dell’ex calciatore bianconero David Trezeguet, alla frode fiscale per la bancarotta di Fenice, la sua società. Sia come sia il re dei paparazzi, chiudendosi alle spalle le porte della casa circondariale, ha messo a punto la prima vittoria nella complicata vicenda giudiziaria che, da anni, lo vede protagonista e che negli ultimi tempi ha portato molti volti noti a interessarsi della vicenda, da Adriano Celentano a Marco Travaglio

Soddisfazione tra i suoi sostenitori che, via social, citano le parole del fotografo (diventato autore in carcere con l’autobiografia Mea Culpa). "Ho attraversato la tempesta, ho lottato fino all'ultimo è stata dura ma era necessaria. Ora si riparte. ‪#‎SIPUEDE". 

Copyright foto: Kika Press

Potrebbe anche interessarti

Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo