0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Il viaggio di Fanny, l'infanzia ai tempi dell'Olocausto

Il Viaggio di Fanny di Lola Doillon, film per il Giorno della Memoria, racconta la vita e la vittoria dell'innocenza sulla follia della guerra e della shoah.

Fanny e i suoi amici durante la prima tappa del viaggio verso la Svizzera © Ufficio stampa MIC - Mueseo Interattivo del Cinema
Fanny e i bambini che le sono stati affidati durante la prima tappa del viaggio verso la Svizzera © Ufficio stampa MIC - Museo Interattivo del Cinema.

 

Fanny ha 13 anni, due sorelle di cui prendersi cura e due genitori che non vede da anni. Ha la sfortuna di essere ebrea nella Francia del '43 e per questo deve nascondersi in una residenza protetta, assieme ad altri bambini in pericolo.Una vita malinconica ma quasi serena, fino a quando la situazione precipita: i nazisti stanno rastrellando la zona e i giovani ospiti della struttura devono fuggire subito, senza contare sugli adulti. La meta tanto agognata è la Svizzera, dove nessuno potrà far loro del male.

Il Viaggio di Fanny, vincitore dell'ultimo Giffoni Film Festival, è un film sulla shoah poetico e straziante, pensato per i bambini e visto attraverso gli occhi dei bambini. La vita di Fanny Ben-Ami, che compare sorridente alla fine della pellicola e che è riuscita miracolosamente a guidare la sua piccola pattuglia verso la salvezza, è il film per la giornata della memoria adatto a tutti.

Scelta come caposquadra da una burbera ma eroica tutrice, che la ammira per il suo carattere testardo, Fanny prende per mano i suoi compagni e si mette in cammino. Attorno a loro un mondo impazzito, in cui è difficile per chiunque elaborare un piano razionale, tra un prete che ti salva e un altro che ti denuncia a tradimento e soldati delle SS che distribuiscono caramelle. Gli adulti pronti a dare una mano o addirittura a sacrificarsi per loro ci sono, ma è difficile riconoscerli. Il vero nemico non è nemmeno l'odio feroce dei nazisti, che si intravedono appena, ma il male banale degli ufficiali francesi, che non sparerebbero mai a un bambino ma non hanno nessuna remora a tenerlo senza acqua né cibo per giorni.

A differenza di molte altre pellicole sul tema, qui non si vede una goccia di sangue e solo l'ombra di alcuni soldati impiccati. Nonostante ciò, o forse anche per questo, il film è un vero pugno nello stomaco, per l'adrenalina della continua fuga e per l'assurdità delle situazioni che i ragazzi si trovano ad affrontare. Ma anche perché, pur continuando a scappare, Fanny e i suoi amici non smettono mai di essere bambini, sguazzando nei ruscelli non appena possono e immaginando una nuova vita da selvaggi in una baita diroccata. Ed è forse proprio la loro colorata anarchia a farli trionfare sul caos buio del mondo.

Il documento intitolato « Il viaggio di Fanny, l'infanzia ai tempi dell'Olocausto » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.