La "pillola dell'amore" made in Italy fa (e fa fare) il botto

Fai una domanda
La "pillola dell'amore" made in Italy spopola tra i maschi italiani (soprattutto i più giovani): 1.2 milioni di confezioni vendute in un anno. Avanafil, targata Menarini, agisce in soli 15 minuti e dura sei ore senza costringere a programmare gli amplessi.

Vero e proprio boom per Avanafil la "pillola dell'amore" made in Italy che agisce in 15 minuti.


Meno male che la chimica c'è perché il maschio latino non è più quello di un tempo: secondi solo agli inglesi per il consumo di sexypillole d’ogni colore e qualità, gli italiani si sono presto innamorati di Avanafil, l’ultima sfornata in materia. Felici e soddisfatte le rispettive compagne che ringraziano gli studiosi dediti ad applicare il loro sapere per sopperire al grande dispiacere di amplessi tanto fumo e poco arrosto.

Made in Italy e targata Menarini, Avanafil fa effetto in soli quindici minuti e dura sei ore risolvendo i problemi sotto le lenzuola che attanagliano milioni di italiani. Solo pochi lo affrontano, ma sono tanti, anzi tantissimi, per la precisione quattromila al giorno che hanno messo al bando l'orgoglio e messo mano al portafoglio aggiudicandosi l'ultimo ritrovato farmaceutico  per un totale di oltre un milione di confezioni vendute solo nell’ultimo anno.

Risultati strepitosi nella lotta alla disfunzione erettile che gli specialisti della Società italiana di andrologia (Sia), della Società italiana di andrologia e medicina sessuale (Siams) e della Società italiana di urologia (Siu) hanno celebrato al meeting Best 2015 di Firenze.

Nell'attesa del pene-robot, i vantaggi della cosiddetta “pillola dell’amore” superano (e di gran lunga, anche se l'espressione suona ridondante) quelli delle colleghe in commercio già da anni. Vedi il Viagra, che ormai è roba del passato e costringe a programmare gli amplessi; o il Cialis che dura due giorni, forse un po’ troppo; o, ancora, il Levitra che si scioglie in acqua e rischia di far sbollire anche le situazioni più calienti

Avanafil è un passo avanti, assicurano gli esperti: “colma un vuoto nelle attuali terapie della disfunzione erettile” ha spiegato Giorgio Franco, presidente della Sia. Senza contare che “è più sicura e facile da assumere rispetto agli altri farmaci in commercio - continua Franco - e risulta così ben tollerata da poter essere utilizzata con successo, senza rischio di aumento di effetti collaterali anche al dosaggio più alto di 200mg.”.  Una manna per chi, con le proprie parti basse, fa i conti tutti i giorni in un braccio di ferro estenuante che non solo mette a dura prova la relazione di coppia (e, va da sé, l'appagamento sessuale della dolce metà), ma stando a quanto dicono gli ultimi studi, in virtù della (scarsa) attività sessuale, ha una vita professionale meno appagante

E se la pillolina blu e le sue colleghe hanno conquistato soprattutto gli uomini di una certa età, Avanfil spopola tra i giovani, sempre più afflitti da disfunzione erettile. A confermarlo sono i numeri raccolti dal Journal of sexual Medicine: se fino a circa dieci anni fa il problema riguardava solo il 2% degli under 34, oggi uno su quattro ha meno di quarant’anni. Un incremento che, se gli esperti riconducono anche alla maggior sincerità degli intervistati, non va sottovalutato. Soprattutto alla luce del fatto che i risultati dello studio hanno evidenziato come, tra chi chiede aiuto, quasi la metà dei più giovani (il 48,8%) soffre di una forma grave, rispetto al 40% dei più anziani. Tra le cause c’è il troppo stress e il diffuso consumo di alcol, tabacco e droghe

Insomma, da oggi si cura la disfunzione in maniera rapida ed efficace ma sono le cause che vanno individuate ed affrontate. “Bisogna sempre sottolineare che nella terapia della disfunzione erettile - ammonisce Vincenzo Mirone, segretario generale della Siu - è sempre indispensabile una visita specialistica seguita dalla ricetta del medico ed è sempre bene diffidare delle offerte web, perché nella maggior parte dei casi si tratta di copie contraffatte pericolose e poco sicure". Uomo avvisato mezzo salvato dice il proverbio che, in casi come questo, vale anche per le rispettive donne.

Copyright foto: Istock