Fenofibrato: a cosa serve

Fai una domanda
Il fenofibrato è una sostanza ipolipemizzante, ossia mirato a diminuire la presenza di trigliceridi e colesterolo nel sangue.



Indicazioni

Il fenofibrato è utilizzato per quei pazienti che presentano rischi di infarto del miocardio o ischemia celebrale connesse ad un tasso di colesterolo alto nel sangue. I pazienti sottoposti a questo tipo di trattamento presentano un tasso di trigliceridi in aumento o un rischio cardiovascolare associato ad ipolipidemia molto elevato, tanto da non essere sufficientemente controllato dalle statine. Il fenofibrato è capace di abbassare il tasso di colesterolo e trigliceridi nel sangue in caso di ipercolesterolemia.

Posologia

La sua posologia si adatta a seconda dei risultati ottenuti dalle analisi del sangue. Solitamente sarà prescritto dal medico di assumere una compressa al giorno, dopo cena, con un bicchiere d'acqua. La corretta assunzione è d'obbligo, infatti, in caso di dimenticanza basterà assumere quanto prima la dose mancata, a patto che sia assunta a una distanza sufficiente dalla dose successiva, in caso contrario basterà saltare la dose omessa.

Farmaci a base di fenofibrato

Il fenofibrato è contenuto in farmaci quali: Lipsin ®, Fulcro ®, Fulcrosupra ®, Fenolibs ®, Liperial ®, Lipofene ® e sotto forma di farmaco generico Fenofibrato®, presenti sotto forma di diverse formulazioni da 100mg, 145mg, 160mg, 200mg e 300mg, da somministrare sotto consiglio medico, a seconda del contesto patologico riportato dal paziente.

Avvertenze

Il fenofibrato è solitamente associato ad un regime alimentare equilibrato e ad altre misure non medicamentose che comprendono: esercizio fisico e perdita di peso. Infatti, questa sostanza, da sola, non è sufficiente ad evitare, a lungo termine, indicenti cardiovascolari. Tuttavia, è da non somministrare a chi presenta reazioni allergiche alla sostanza e a chi è stata somministrata un’insufficienza epatica o renale.


Foto: © molekuul - 123RF