Anice stellato: proprietà e controindicazioni

Fai una domanda
Appartenente alla famiglia delle magnoliaceae, l'anice stellato (Illicium verum detto anche badiana) è una spezia di origine asiatica utilizzata anche in erboristeria per le sue proprietà benefiche importanti per la salute.



Proprietà

L’anice stellato è usato in prevalenza come costituente erboristico ed omeopatico per stimolare le attività digestive e come antisettico e antispasmodico. Viene impiegato per combattere l’inappetenza, per ridurre l’espettorato e i disequilibri che colpiscono il tratto gastroenterico e per combattere le infezioni a livello dell’apparato respiratorio, quali tosse, bronchite e catarro. Alcune ricerche hanno dimostrato anche la sua utilità a contrasto dell’iperlipidemia e dell’arteriosclerosi, ma è ancora tutto da confermare.

Rimedio naturale

Nella tradizione omeopatica e come rimedio della nonna, l’anice stellato in tisana è usato, non solo come anti dispeptico e per combattere il catarro, ma anche come rimedio atto ad aumentare la produzione del latte materno, prolattina, dopo aver partorito (sotto forma di tintura madre o capsule omeopatiche). In alcune culture dell’Asia, l’anice è utilizzato anche come rimedio contro diarrea, flatulenza, paralisi facciale ed emiparesi, spesso è unito ad altre spezie, quali cannella, chiodi di garofano e finocchio.

Anice stellato in cucina

Dal gusto dolciastro e molto profumato, l’anice stellato è una spezia molto utilizzata per preparare diversi tipi di liquori, come la sambuca e l’ouzo greco, il pastis, ma anche nel vin brulé, in connubio con la cannella. Per i dolci, al fine di donare un aroma delicato ma di carattere, come ogni alimento speziato, l'anice stellato è impiegato in alcuni piatti unici orientali a base di carni bianche (maiale, pollo e coniglio) da accompagnare con riso e nel Tajine berbero o nel Couscous. L’anice stellato può essere acquistato nei supermercati, in negozi etnici, in erboristeria, negozi che vengono in prevalenza prodotti biologici.

Controindicazioni

Composto da olio essenziale di anetolo, polifenoli, flavonoidi, cumarine e furocumarine, lìanice stellato può avere effetti indesiderati in presenza di allergie a uno di questi suoi costituenti. Esso può facilitare il rischio di eritema, epilessia, epatopatia e risulta aumentare i disturbi gastrici derivati da farmaci anti steroidei (FANS) e cortisone. Inoltre, l’anice stellare risulta aumentare le cause e gli effetti fotosensibilizzanti della pelle. Attenzione alla specie di anice stellato giapponese(Shikimi) dimostratosi tossico.

Foto: © sai0112 - 123RF