0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Tireotossicosi: sintomi e trattamenti

La tireotossicosi è un disturbo della tiroide, la quale secerne ormoni in eccesso. Le conseguenze (sulla crescita e sul metabolismo) possono essere più o meno gravi a seconda dei casi.


Definizione

La tireotossicosi, o sindrome della tireotossicosi, è definita come l’insieme dei disturbi legati alla secrezione eccessiva di ormoni tiroidei: la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3). Questa patologia è una forma di ipertiroidismo pronunciato piuttosto raro che dipende da un disfunzionamento della tiroide.

Cause

La tireotossicosi è sempre di origine tiroidea. La sua principale causa è, nel 70-80 % dei casi, la malattia di Basedow. Questa patologia autoimmune colpisce, in particolare, donne in giovane età. Tra le alte cause della tireotossicosi figurano l’adenoma tossico della tiroide, il gozzo o nodulo tossico (ipersecrezione di ormoni tiroidei) e più raramente la tiroidite subacuta.

Sintomi

I sintomi di questo disturbo variano in funzione degli individui e dell’origine della patologia. Questi si traducono nell’affezione del sistema nervoso (palpitazioni, tachicardia, sudorazione eccessiva, tremore delle mani). A livello fisico, la tireotossicosi si manifesta con vampate di calore, sensazione di sete permanente, perdita di peso e massa muscolare. La titeotossicosi può provocare disturbi dell’umore nei pazienti proni a nervosismo, ansia e insonnia.

Complicazioni

La tireotossicosi è una patologia benigna in un soggetto giovane e in salute, che può avere però delle conseguenze più gravi in soggetti più vulnerabili: donne incinta, neonati, soggetti affetti da disturbi cardiaci e sottoalimentati. Essendo la tiroide una ghiandola endocrina che ha un solo importante nella crescita e nel metabolismo, questo disturbo può pregiudicare lo sviluppo del soggetto.

Diagnosi

Si raccomanda di consultare un medico fin dai primi sintomi. Lo specialista potrà determinare la causa esatta della tireotossicosi e prescrivere il trattamento più adatto. La diagnosi è stabilita a partire da analisi specifiche e il dosaggio ormonale.

Trattamento

Il trattamento comincia prima di tutto con il riposo. La somministrazione di sedativi e betabloccanti può riequilibrare il metabolismo del paziente in attesa di un trattamento più specifico in funzione del caso (iodio radioattivo, ablazione della tiroide o del nodulo tossico, totale o parziale, ecc.).

FOTO:© Andriy Popov/123RF
Il documento intitolato « Tireotossicosi: sintomi e trattamenti » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.