0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

"La mia sessualità?" Tom Hardy risponde così al giornalista

Tom Hardy polemizza con un giornalista al Toronto Film Festival. L'attore, protagonista di Warrior, celebrità di Instagram e (si dice) futuro James Bond, non accetta di parlare della sua sessualità.

L'attore Tom Hardy hai risposto per le rime ad un giornalista di una testata LGBT che gli chiedeva della sua sessualità.


Quando si è un giornalista, mai chiedere conto a Tom Hardy della sua sessualità. Il suo lato tenero, che le fan avevano scoperto con il curioso account Instagram Tom Hardy Holding Dogs (Tom Hardy che tiene un cane), rischia di sparire senza lasciare traccia. 

A farlo tornare nei panni dell'antieroe cui non pestare i piedi, come ci aveva abituato in Warrior e nel Cavaliere Oscuro – Il ritorno, ci ha pensato, a tempo di record, un giornalista di Daily Xtra, una testata canadese LGBT, presente alla conferenza stampa di lancio di Legend, che vede nel cast proprio Hardy (nel ruolo doppio di due gangster gemelli) e che è stato presentato al Toronto International Film Festival

"Nel film il tuo personaggio, Ronnie, è molto aperto riguardo alla sua sessualità. Visto quanto hai dichiarato in passate interviste, la tua sessualità sembra un po' più ambigua. Trovi che per le celebrità sia difficile parlare ai media della loro sessualità?" chiede il giornalista di Daily Xtra, Graeme Coleman. "Di che diavolo parli?" risponde, visibilmente seccato, Hardy. Il pubblico ride. Coleman non demorde e precisa: si riferisce ad una intervista rilasciata nel 2008 al magazine per gay Attitude. Nella quale, per inciso, alla domanda se avesse mai fatto sesso con uomini, lui all'epoca rispondeva "...con un ragazzo? Certo che l'ho fatto". Salvo poi smentire in un battibaleno, sostenendo che la risposta fosse stata montata ad arte.

Il giornalista però attende la risposta, incurante della faccia davvero poco rassicurante di Hardy, che tagliente, ribatte: "Non trovo che sia difficile per le celebrità parlare della loro sessualità. Mi stai chiedendo della mia sessualità?". "Ehmm... certo" gli fa eco, finalmente intimorito, Coleman. "Perché?", domanda Hardy, ma prima che il giornalista osi tentare una risposta, mentre il pubblico sogghigna, si limita a freddarlo con un "Grazie" che chiude la questione. E l'intervista.

Non è però l'unico giornalista che, alla conferenza stampa, se l'è vista brutta. Ad essere rispedita al mittente è anche una domanda sui tanti  problemi riscontrati sul set di The Revenant di Alejandro González Iñárritu nel quale Hardy è coprotagonista con Leonardo DiCaprio

"Sono qui solo per la promozione di Legend", chiarisce una volta per tutte il bello e, è il caso di dirlo, tenebroso. Se qualcuno ha in mente di chiedergli conto delle voci che lo vogliono in lista per diventare il prossimo James Bond, è meglio che aspetti di trovarlo di umore migliore.

Al minuto 28:15, l'incidente in conferenza stampa:



Copyright foto e video: Kika Press / YouTube
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo