Caldo: guidare senza bere è come essere ubriachi

Fai una domanda
Il binomio disidratazione e guida è al centro di un recente studio che mostra come guidare senza aver bevuto a sufficienza riduce l'attenzione, proprio come chi si mette al volante sotto l'effetto dell'alcol.

Secondo uno studio inglese, quando non si beve a sufficienza e ci si mette alla guida si rischia di commettere gli stessi errori di chi si mette al volante ubriaco.


Il titolo è semplice, Disidratazione e Guida, ma i risultati lasciano stupiti. Nel Regno Unito, i ricercatori della Loughborough University, in collaborazione con l'European Hydration Institute, hanno scoperto un importante rischio, legato alla sicurezza stradale, fino ad oggi quasi del tutto sconosciuto.

Non sarebbe soltanto l'alcol, infatti, a peggiorare i livelli di attenzione di chi si mette al volante, ma anche uno stato di scarsa idratazione. Lo stesso numero di errori commessi da chi guida dopo qualche drink, infatti, li rischia chi è disidratato. Un fattore che, in questi giorni di caldo estivo, non è secondario. I ricercatori sono arrivati a questo dato con una serie di simulazioni e uno studio clinico rigoroso, che ha testato la capacità di reazione e la prontezza di riflessi di chi guida, nel rispondere a un evento imprevisto, sia in stato di ebbrezza sia di leggera disidratazione. Sbandamenti, frenate tardive, passaggio delle linee che delimitano le corsie sono stati i problemi più riscontrati in entrambe le situazioni.

Complice l'anticiclone africano, in questi giorni gli appelli a bere più acqua non si risparmiano, specie per evitare problemi ai danni di anziani, bambini e persone malate. Ma a questo punto, alla categoria va assolutamente aggiunto chi si mette alla guida, che più che ulteriori complicanze, rischia disattenzione e scarsa prontezza, stato che va peggiorando se la condizione di disidratazione si protrae. Motivo per cui, più lungo è il viaggio, maggiore deve essere l'attenzione a bere acqua a sufficienza - ma senza esagerare, perché anche l'eccesso di liquidi può portare ad un effetto altrettanto negativo.

Stando allo studio, bere più liquidi al mattino e cercare di fermarsi per bere ogni due ore dovrebbe diventare un'abitudine per chi si mette al volante, assumendo anche bevande contenenti caffeina (ma a base di acqua), se si è stanchi. Infine, spiegano i ricercatori, è importante controllare il colore dell’urina: se è giallo chiaro, va tutto bene, ma se il colore è più scuro, è possibile che sia già in atto una lieve disidratazione.
 
Copyright foto: Fotolia