0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Bronde, shatush, écaille: l'hair designer Salvo Filetti ci spiega le differenze

Il padre di tutte le tecniche di sfumatura dei capelli, lo shatush, passa il testimone al sunshine, il nuovo modo per avere riflessi dorati che sembrino naturali. Ma che differenza c'è con il bronde e l'écaille? Ce lo spiega il famoso hair designer Salvo Filetti co-fondatore della Compagnia della Bellezza.

Le differenze tra sunshine, bronde ed écaille.


Avere una capigliatura che sembri baciata da sole è un vezzo a cui nessuna donna vuole rinunciare. In origine c'era lo shatush, poi la tecnica col tempo si è talmente affinata ed evoluta da dare origine a nuovi metodi di sfumature. È facile, quindi perdersi tra i termini che gli hair stylist all'avanguardia ci propongono ogni giorno, come bronde, sunshine, ecaillè. Ma quali sono le differenze? Ce le spiega Salvo Filetti, il famoso hair designer co-fondatore della Compagnia della Bellezza e di Joyà Accademy, la celebre accademia per la preparazione di nuovi giovani talenti del capello.

Sunshine

Capelli come baciati dal sole in un crescendo alle punte illuminate dai toni più chiari! Un mondo di pennellate di luce sfumate ad arte con schiaritura fino al perla e al cuor di zucchero, proporzionatamente all'abbronzatura progressiva della pelle, accoppiata vincente! Nell'ultima collezione che ho firmato per Compagnia della Bellezza, 50 sfumature di biondo, abbiamo accentuato la percezione delle scalature con un doppio sunshine-shatush: oro dorato che sfuma oltre la linea del mento nell'oro rosso in basso, una nuova combinazione cromatica.


Il bronde è la tecnica di sfumatura che ben si adatta a tutti i tipi di capelli.


Bronde

Tecnicamente parlando si tratta di una nuova  nuance sfumatura/effetto luce naturale, a metà strada tra il 'brown' e il 'blonde'. Insomma, un mix tra marrone e biondo combinati ad arte. Una colorazione calda ma raffreddata, un'unione perfetta di chiaroscuri, per un effetto naturale ma esclusivo allo stesso tempo. Il bronde gioca proprio su una nuance di confine, un ossimoro cromatico caldo-freddo, caramello-raffreddato, oro-sabbiato e la sfumatura naturale sulle lunghezze. Per fare una metafora sarebbe come dire: segno zodiacale castana naturale, ascendente binda. Questo è il motivo per cui la sua adattabilità è quasi universale: dona come un effetto “abbronzatura” alle pelli più scure e mediterranee e morbida pienezza alle pelli chiare.


Realizzazione 

Ci si concentra sulla saturazione e sulla pigmentazione del colore di fondo, a volte sbiadito e opaco, per intensificare l’intensità del tono in modo estremamente naturale, con colori ad acqua o tono su tono. Contestualmente si procede con una tecnica specifica di 'disuniformizzazione', un 'sunshine' dalle pennellate a 'coda di rondine' alle radici e ampie su lunghezze e punte. Dopo il risciacquo, con decotti o leggere 'docce pigmentate', si ricerca il punto di colore 'bronde' esatto.

L'ecaillè è la naturale evoluzione del bronde.


Ecaille

L’écaille è l’evoluzione del bronde, che fonde con grande maestria l’estrema naturalezza del balayage con il tanto modaiolo shatush-sunshine. È un servizio che promette naturalezza e carattere: i chiari sfaccettati su varie sfumature, con tonalità che vanno dal sabbia dorata, miele e oro, alle intermedie (ambra e caramello); i toni intermedi e scuri dal biondo al castano, saturati per dare profondità e micro ombreggiature. Il risultato d’insieme è “effetto tartaruga”, vibrante e caldo al tempo stesso, con una schiaritura  naturale all'altezza delle radici e che con dolcezza sottolinea le lunghezze e punte. Grande attenzione e personalizzazione ai ciuffi “cornice" dello sguardo.


Copyright foto: Compagnia della Bellezza

Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo