0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

"Famiglie gay": il Parlamento Ue dice sì e invita a fare altrettanto

"Famiglie gay": il Parlamento Ue dice sì al riconoscimento in un rapporto sull'uguaglianza di genere approvato a larga maggioranza a Strasburgo che prende atto dell'evolversi della definizione di famiglia". 

Il Parlamento Ue ha approvato a larga maggioranza un rapporto che, per la prima volta riconosce in maniera esplicita le famiglie gay.


Famiglie gay”: un accostamento che anche il Parlamento europeo ora riconosce nero su bianco. Lo ha fatto votando a larga maggioranza un rapporto sull'uguaglianza di genere dove, per la prima volta in maniera esplicita, “prende atto dell'evolversi della definizione di famiglia" e raccomanda "che le norme in quell'ambito (compresi i risvolti in ambito lavorativo come i congedi) tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l'omogenitorialità". 

Insomma, tre mesi  mesi dopo il voto compatto per il riconoscimento delle unioni civili e del matrimonio tra persone dello stesso sesso "considerandolo come un diritto umano”, Strasburgo detta ancora una volta il passo, sollevando polveroni in quei paesi (Italia compresa) dove la famiglia resta quella tradizionale, le unioni civili (per ora) restano l'iniziativa del Sindaco di Roma e di nuclei monoparentali od omogenitoriali non se ne parla proprio. 

Certo, la risoluzione non è vincolante, tuttavia il documento, all’indomani del referendum irlandese, dà l’ennesima sferzata all’ondata rivoluzionaria del Terzo Millennio che, negli ultimi 15 anni ha visto 22 paesi riconoscere e legittimare l’amore tra due persone indipendentemente dal loro sesso. 

Il voto di Strasburgo arriva nel giorno in cui, anche in Italia, si ha notizia di un piccolo grande passo che, se sta in bilico tra le definizioni del diritto, è sintomo che l’aria sta cambiando anche nello Stivale. La vicenda in questione riguarda un ragazzo italiano che nel 2011, in Argentina, ha sposato il suo compagno transessuale che, un anno dopo ha ottenuto il via libera per il cambio di sesso e di nome da maschile a femminile. Non è un matrimonio tra omosessuali - hanno spiegato i giudici - e va trascritto nel registro dello stato civile. La storia richiama alla memoria quella che affrontò la Cassazione lo scorso aprile quando confermò la validità del matrimonio anche nel caso in cui uno dei due coniugi cambi sesso. Insomma, in attesa che il Parlamento legiferi in merito, la giustizia degli uomini prova a stare al passo con i tempi. 

Un sondaggio Piepoli per il quotidiano La Stampa ha descritto una Italia che, se fosse chiamata a esprimersi sulle unioni gay con un referendum (che vorrebbe il 57% degli interpellati), direbbe “” alle unioni civili (67%) tra persone dello stesso sesso, “niai matrimoni gay (51%) e “no” alle adozioni (contrario il 73%). Insomma, un riformismo moderato che rispecchia i dettami del testo base adottato in commissione giustizia del Senato che non parla di nozze ma prevede unioni civili per persone dello stesso sesso, con gli stessi diritti e doveri delle coppie etero sposate. 

Una legge che, l’indomani del referendum irlandese, il Premier Matteo Renzi ha ribadito di voler approvare al più presto per restare al passo con gli altri paesi europei: "Nel mio partito su questo tema  -  confida in privato  -  c'è chi vorrebbe di più. Ma le unioni civili non sono più rinviabili". Altrimenti, la mancanza di una legge in materia isolerà sempre di più la nostra Penisola dal continente che, come ha esplicitato Strasburgo, “prende atto dell'evolversi della definizione di famiglia”.

Copyright foto: Istock
Il documento intitolato « "Famiglie gay": il Parlamento Ue dice sì e invita a fare altrettanto » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.