0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Yamamay

Il brand Yamamay nasce nel 2001 da un’idea dell’imprenditore napoletano Gianluigi Cimmino e già nei suoi primissimi anni di vita si propone sul mercato della moda dell’intimo in Italia tra i leader del settore. Forte del know how del padre Luciano Cimmino, già protagonista del successo di Original Marines, Gianluigi decide di coinvolgere la sua famiglia in una nuova sfida commerciale orientandosi da un lato alla lingerie e dall’altro al mondo del seawear con collezioni dedicate a donna, uomo e bambino. A questi presto si uniscono calze, pigiameria e maglieria portando il Gruppo Inticom S.p.A. a registrare, nel 2010, un fatturato superiore ai 125 milioni di euro con oltre 500 dipendenti in Italia e circa 600 negozi monomarca in franchising e ingestione diretta in Italia e nel mondo. 

Nel 2011, mentre è impegnata a soffiare sulle prime 10 candeline, la griffe vive una nuova espansione con l’ingresso in società della famiglia Carlino, fondatrice del marchio Carpisa. In quest’anno la testimonial della linea donna è la nuotatrice Federica Pellegrini mentre la testimonial per il web è la blogger Chiara Ferragni che supporta l’azienda nel suo debutto sui social network. 

Ma l’interesse per la rete non si limita al mondo delle piattaforme di condivisione sociali e l’azienda è la prima del suo settore in Italia ad espandere l’attività tramite una sezione dedicata all’e-commerce. Sponsor ufficiale della squadra di calcio Ischia Isolaverde, adesso Yamamay conta mille negozi e più di 1200 dipendenti mentre, tra i personaggi noti che hanno prestato volto e corpo alle campagne pubblicitarie del brand, figurano personaggi illustri del calibro di Martina Stella nel 2007 e  Jennifer Lopez, affiancata da Bob Sinclair per la collezione maschile, nel 2010.

 Dal 2009 l’azienda è presente anche sul mercato dei cosmetici con la linea di make-up Yamamy Beauty

Potrebbe anche interessarti

Il documento intitolato « Yamamay » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.