Betadine®: indicazioni, posologia ed effetti collaterali

Fai una domanda
Betadine® è un antisettico non sterilizzante che esercita un’azione temporanea mirata a ridurre il numero dei microrganismi.



Indicazioni

Betadine® è a base di povidone iodato e polivinilpirrolidone. Esso viene utilizzato come antisettico della pelle e per il trattamento di infezioni della mucosa per evitare che essa si infetti a causa di bruciature superficiali o ferite; prima di un intervento chirurgico o per disinfettare ferite e bruciature poco estese, come ad esempio dopo essersi fatti un tatuaggio. Non richiede prescrizione medica.

Leggi anche - Piercing, tatuaggi: le precauzioni da prendere

Controindicazioni

Betadine® è controindicato in caso di allergia ad uno dei suoi componenti (e in particolare allo iodopovidone). Questo trattamento non è somministratile nei bambini al di sotto di un mese di età. Inoltre, in presenza di iodio, questo farmaco è sconsigliato durante il primo trimestre di gravidanza e durante l’allattamento. Allo stesso modo Betadine® è da evitare in associazione ad altri antisettici a base di mercurio e non deve essere utilizzato per disinfettare il materiale medico-chirurgico.

Effetti collaterali

In caso di utilizzo ripetuto e prolungato, Betadine® è suscettibile di provocare un aumento dei valori di iodio nell'organismo che può causare un rallentamento sulla funzione della ghiandola tiroidea (in particolare nei neonati). Reazioni allergiche della cute, tra cui edema di Quincke o shock anafilattico sono rare; al contrario, però, spesso si osservano delle reazioni cutanee accompagnate da bruciore su zone estese del corpo. Risulta possibile che si presentino anche disturbi della funzione renale, come acidosi metabolica. Da notare che il Betadine® in soluzione liquida non deve essere ingerito, onde evitare un’intossicazione grave. Esistono, però, collutori a base del suo principio attivo atti a curare le lesioni del cavo orale.

Posologia e modalità d’uso

Betadine® è presente in commercio sotto forma di crema, soluzione liquida da applicare localmente, lavanda ginecologica, collutorio. Per quanto riguarda l’applicazione locale il tampone con una garza sterile impregnata di Betadine® bagnerà la ferita o la zona interessata, per una decina di secondi, per poi farla seccare all’aria e procedere con l’intervento. Per utilizzo cutaneo Betadine® è presente sotto forma di soluzione dosata al 10%, gel e pomata da 30g sempre al 10%; compresse da 350mg; cerotti; soluzione alcolica per applicazione locale sulla cute al 5%; mousse (Betadine scrub®) dosato al 4% e destinato alle disinfezioni del corpo e del campo operatorio prima di un intervento.