Haemophilus: definizione e ceppi

Fai una domanda
Haemophilus è il nome di un gruppo di 16 batteri a gram negativo appartenenti alla famiglia delle pasteurellaceae.


Specie di haemophilus

Le principali specie di haemophilus sono l’Haemophilus ducreyi, Haemophilus influenzae e Haemophilus parainfuenzae. Questi bacilli sono capaci di infestare le mucose e di provocare varie patologie. Il batterio Haemophilus di tipo B è notoriamente responsabile di meningiti batteriche nei bambini piccoli, anche se la vaccinazione permette di prevenirla in modo efficace.

Ceppi

Haemophilus ducreyi

L’haemophilus ducreyi(o bacillo di Ducreyi) è un batterio gram negativo molto contagioso che si trasmette per via sessuale. Esso è all’origine di un’infezione venerea chiamata ulcera venerea. Mentre nella donna l'haemophilus ducreyi non provoca che lievi sintomi, nell’uomo l’ulcera si presenta sotto forma di manifestazioni sintomatiche dolorose. Esso si traduce in lesioni ad evoluzione rapida che si presentano sotto forma di ulcerazioni profonde associate ad intenso prurito nella zona genitale. La sua presenza è diagnosticata tramite un esame al microscopio.

Haemophilus parainfluenzae

L’haemophilus parainfluenzae è un parassita delle mucose che si trova a livello orofaringeo, apparato genito-urinario e del retto. Trattasi di una specie di haemophilus più frequente nell’uomo poiché rappresenta circa il 10% della flora faringea e soprattutto, lo si ritrova in grandi quantità nella saliva. Questo agente patogeno può essere all’origine di infezioni respiratorie o dell’apparato otorinolaringoiatrico, in modo particolare per chi risulta immunodepresso. Tra le cause più severe, l’haemophilus parainfluenzae può essere all’origine di una manifestazione grave di endocardite.

Haemophilus influenzae

L’haemophilus influenzae designa un batterio responsabile di infezioni respiratorie (pneumonie), meningiti, otiti, setticemia e artriti, in particolare dei bambini. Nonostante l’assunzione di antibiotici, essa può avere delle conseguenze neurologiche gravi. A tal proposito, esiste un vaccino per neonati che evita il sopraggiungere di patologie ad esso correlate.