Idroterapia: benefici e tecniche

Fai una domanda
L’idroterapia, spesso nota con il nome delle tecniche alle quali fa appello come la balneoterapia o talassoterapia, permetta di alleviare i dolori articolari o muscolari.


Indicazioni e benefici

Le cure di idroterapia possono essere utilizzate per scopo preventivo, curativo o distensivo, sotto prescrizione medica o meno. Generalmente questo topo di cure è indicato per alleviare i dolori muscolari e i disturbi delle articolazioni come l’artrosi e l’artrite, in un quadro rieducativo dopo una ferita. 
L’idroterapia e le sue declinazioni hanno anche effetti benefici sul sistema cardiovascolare, la digestione, e sull’astinenza da tabacco.Nelle forme quali la balneoterapia o la talassoterapia l’acqua è impiagata unicamente per uso esterno. È importante non confondere questo tipo di terapia con l’idroterapia del colon, tecnica che utilizza l’acqua per realizzare il lavaggio dell’intestino.

Tecniche

L’idroterapia è chiamata in modi diversi a seconda del tipo di acqua impiegata. le tecniche di cura comunemente utilizzate sono i bagni con massaggio, le docce, le hammam, e il rilassamento in piscina.

Balneoterapia e talassoterapia

La balneoterapia designa l’insieme di cure effettuate, tramite dei bagni, sul corpo intero o su alcune parti. L’acqua utilizzata in questo tipo di trattamento è dolce (acqua termale o acqua del rubinetto) e, la maggior parte delle volte, ad un temperatura elevata come 32 o 35 gradi.
Contrariamente alla balneoterapia, che utilizza l’acqua dolce, la talassoterapia fa appello all’acqua di marina, ed è dunque praticata esclusivamente in stabilimenti siti vicino al mare.

Termalismo

Il termalismo è una variante della balneoterapia. Nel corso di una cura termale le cure sono effettuate con acque termali, provenienti da fonti naturali o da pozzi. Queste acque traggono i loro benefici dai minerali in esse contenuti, e la cui composizione differisce in funzione a seconda del luogo e della fonte.

Contro-indicazioni

Le cure di idroterapia sono contro-indicate in caso di malattie infettive, malattie della pelle (eccezion fatta per la psoriasi), di cancro trattato con chemioterapia o radioterapia, dei disturbi psichiatrici, e allergie allo iodio (in particolare per la talassoterapia) o ai prodotti disinfettanti. Le cure effettuate con acqua a temperatura elevata sono sconsigliate alle persone che soffrono di ipertensione arteriosa.

FOTO: © Somchai Jongmeesuk/123RF