Colon - Definizione

Fai una domanda
Il colon, che forma con l’intestino cieco l’intestino crasso, è una parte del sistema digestivo che misura in media 1,5 metri. Esso è posto dopo l’intestino tenue, segue l’intestino ceco e si prolunga con il retto.


Definizione

Il colon, chiamato nel linguaggio corrente intestino crasso, corrisponde alla parte del tubo digestivo situato tra l’intestino tenue e il retto.

Lunghezza

Il colon misura in media nell’adulto 1,5 metri di lunghezza per 8 cm di diametro e si divide in quattro segmenti che si seguitano: il colon ascendente, il colon traverso, il colon discendente e il colon sigmoideo.

Ruolo

Il colon termina la trasformazione dei rifiuti provenienti dagli intestini in materia fecale, che sarà in seguito espulsa dal retto situato alla sua estremità.

Patologie del colon

Il colon può essere la sede di molte patologie come la sindrome del colon irritabile chiamata anche colonpatia funzionale, delle malattie infiammatorie croniche (malattia di Chron o rettocolite emorragica) o acute come la diverticolite o la colite acuta, della presenza di polipi che possono talvolta evolversi in un cancro al colon. I sintomi evocativi di una malattia al colon sono essenzialmente rappresentati dai disturbi di transito come la costipazione o la diarrea, dei dolori addominali e gonfiori, dalla presenza di sangue nelle feci. Il principale esame che permette lo studio del colon è la colonscopia che permette di visualizzare direttamente l’interno di quest’organo tramite una mini videocamera introdotta nella via anale.