1
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Nux vomica: indicazioni, posologia ed effetti secondari

L’omeopatia è una medicina alternativa che può essere utilizzata per vari disturbi, tra cui quelli digestivi, come dolori addominali, nausea o vomito.


Definizione

Nux vomica® è un farmaco omeopatico composto da semi di vomica, un albero d’origine asiatica. Sotto forma di granuli o in gocce per soluzione orale (tintura madre) o, ancora, sotto forma di fiale bevibili o supposte.

Indicazioni

Nux vomica® è un trattamento omeopatico che presenta diverse proprietà e che può essere indicato per diverse patologie, tra cui quelle che colpiscono l’apparato digerente (mal di pancia, nausea seguita da vomito, problemi legati alla cinetosi, ecc.) o disturbi della sfera otorinolaringoiatria (raffreddore con starnuti e naso che cola, soprattutto durante la mattina e con naso chiuso durante la notte). Nux vomica® è anche efficace contro l’influenza e in particolar modo contro i disturbi comportamentali.

Controindicazioni

Come tutti i tipi di trattamenti omeopatici, Nux vomica® non presenta delle controindicazioni particolari, per questo il farmaco è disponibile alla vendita senza prescrizione medica.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali dei trattamenti omeopatici sono quasi inesistenti poiché la diluizione presente del principio attivo non è in grado di causare effetti collaterali.

Nux vomica posologia

Per il trattamento dei problemi digestivi Nux vomica® può essere preso con diluizione di 9 CH, ossia di cinque granuli ogni due ore (o prima della partenza in caso di cinetosi). In caso di costipazione è possibile assumere cinque granuli due volte al giorno. Per il raffreddamento si consiglia Nux vomica® in 5 CH, cinque granuli ogni ora, aumentando l’intervallo d’assunzione in parallelo al miglioramento dei sintomi. Infine, per alleviare i problemi comportamentali, Nux vomica® è raccomandata con una dose di 15 CH, cinque granuli al giorni per tre mesi ( o in 5 CH prima dell’allattamento del nascituro, diluendo i granuli nell’acqua).
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo