Elettroencefalogramma - Definizione

Fai una domanda

Definizione

L’elettroencefalogramma, o EEG, è un esame indolore che permette la misura dell’attività elettrica del cervello. Viene realizzato grazie all’uso degli elettrodi che, posti sul cuoio capelluto, registrano le variazioni dei potenziali elettrici dei neuroni che traducono l’attività cerebrale. Quest’ultima viene trascritta da un apparecchio su un tracciato grafico che deve essere letto ed interpretato da un neurologo. L’EEG viene praticato quando si sospettano delle affezioni neurologiche come l’epilessia, l’encefalite ma anche dei disturbi del sonno. In quest’ultimo caso, l’EEG viene praticato nel corso di un ricovero ospedaliero e il paziente passerà la notte con gli elettrodi attaccati al cranio. L’elettroencefalogramma inoltre, serve anche a confermare la morte di un individuo, lo stato di morte cerebrale, il cui tracciato risulterà piatto.