Fibromi penduli: come eliminarli

Fai una domanda
Come eliminare i fibromi penduli? Questi piccoli tumori della pelle di natura benigna non causano alcuna patologia pericolosa, ma ci sono creme o rimedi naturali che aiutano a toglierli.


Formazione dei fibromi penduli

I fibromi penduli cutanei (chiamati in maniera impropria porri) sono escrescenze della pelle che originano nel derma e protrudono (di norma) verso l’esterno fino a qualche centimentro di diametro. La sollecitazione della forza di gravità, quando sono di dimensioni notevoli, ne favorisce lo sviluppo verso il basso (da qui il termine "pendulo"). Si tratta di piccoli tumori benigni, che non evolvono mai in forme maligne. Questi si manifestano in ambo i sessi dopo i 40-50 anni e le zone più colpite sono inguine, ascelle e palpebre (cioè in zone in cui la pelle si piega).

Fibroma pendulo infiammato

Di norma un fibroma pendulo viene eliminato per problemi meramente estetici o perché, per le dimensioni, possono sanguinare se sottoposti a traumi. È possibile infatti che un fibroma pendulo si infiammi se sottoposto a sfregamento cutaneo: in questo caso, nel corso di una visita dermatologica sarà il medico stesso a valutare se il fibroma dev’essere asportato o se basterà semplicemente tenerlo pulito e sotto controllo con antinfiammatori e medicinali antisettici.

Fibroma pendulo gonfio

Un fibroma pendulo gonfio è certamente sede di un’infiammazione, se non di un’infezione va quindi consultato un dermatologo, che valuterà la situazione e procederà alla rimozione con l’applicazione di creme antisettiche ed antibiotiche prima e dopo l’intervento o proporrà eventualmente una biopsia per valutare il fibroma stesso.

Asportazione dei fibromi penduli

Se il dermatologo ritiene necessaria la rimozione di un fibroma pendulo, di norma si interviene chirurgicamente sulla zona interessata. Il fibroma può essere escisso chirurgicamente o con l’elettrocoagulazione o col laser. Tutte queste pratiche sono veloci e per niente o poco dolorose.

Fibromi penduli e rimedi della nonna

Tra i rimedi naturali per ridurre le eventuali infiammazioni dei fibromi penduli ritroviamo l’applicazione di olio di origano, succo di cipolla, olio essenziale di melaleuca, aloe vera, lattice di fico verde, aglio, succo di patata, bicarbonato di sodio e aceto di mele. Vanno tutti applicati localmente con un batuffolo di cotone e il loro effetto varia da caso a caso.

Aceto di mele

L’aceto di mele, che ha importanti attività antibatteriche ed antinfiammatorie, è uno dei rimedi naturali per rimuovere i fibromi penduli. Si immerge un batuffolo di cotone nell’aceto di mele e si applica sul/sui fibromi penduli (avendo cura di non utilizzarlo su quelli vicini agli occhi o alla bocca) due volte al giorno: il fibroma inizierà a diventare scuro e si seccherà fino a staccarsi. Il trattamento va effettuato per 2-3 settimane.

Quanto costa eliminare i fibromi penduli

Eliminare i fibromi penduli costa pochissimo se si ricorrerà ai rimedi naturali come l’aceto di mele e lo si applicherà personalmente. La crioterapia (che ghiaccia il fibroma fino a farlo cadere) con prodotti tipo il Surgeril® costa circa 25 euro per il prodotto e l’eventuale onorario del dermatologo. Se l’eliminazione è chirurgica il costo equivale all’onorario del dermatologo.

Farmaci per eliminare i fibromi penduli

Oltre ai prodotti come il Surgeril®, che sfrutta i principi della crioterapia, esistono in commercio anche soluzioni, chiamate anti-Skin tag, che applicate sui fibromi penduli ne determinano essiccamento e distacco. Vi sono anche creme per applicazione locale, che eliminano i fibromi penduli chiamati Skinbiotics treatment creme with tea tree and oregano.

Fibromi penduli genitali

Come detto, i fibromi penduli hanno la tendenza a manifestarsi in delle zone cutanee caratterizzate dalle pieghe della pelle. Per questo motivo i fibromi penduli si manifestano spesso nelle zone del genitali. Anch’essi sono escrescenze cutanee che sporgono verso l’esterno, color carne ,di consistenza molle che possono variare di numero e dimensioni. Possono sanguinare per sfregamento contro gli indumenti o subire distacchi parziali, che ne favoriscono l’infezione. Essendo le zone genitali più soggette a sfregamenti, se ne consiglia la rimozione con il laser.


FOTO:©liza5450/123RF