Flecainide: effetti collaterali e controindicazioni

Fai una domanda
L’acetato di flecainide è un principio attivo utilizzato nei farmaci antiaritmici di classe 1. La sua azione è diretta ai disturbi del ritmo cardiaco. Di seguito indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed eventuali interazioni con altri principi attivi.


Indicazioni

L’acetato di flecainide è indicato nel trattamento e prevenzione delle tachicardie: si considera che un individuo adulto è tachicardico quando il suo cuore a riposo supera i 100 battiti al minuto. Questo principio attivo è indicato anche in individui portatori di un defibrillatore impiantato.

Controindicazioni

La flecainide è controindicata nel caso di ipersensibilità a questo principio attivo, in soggetti con problemi cardiaci (insufficienza cardiaca, shock cardiogeno o infarto del miocardio) o sindrome di Brugada.

Meccanismo d’azione

L’acetato di flecainide ha un effetto inotropo negativo,cioè aiuta a rallentare il ritmo cardiaco e diminuisce la forza di contrazione del cuore. Permette dunque di regolare il muscolo cardiaco per evitare che si affatichi trop

Flecainide, farmaco generico

Numerosi laboratori producono farmaci generici a base di acetato di flecainide: segnaliamo in particolare la flecainide della Sandoz® e della Teva®. Il nome commerciale con cui è commercializzata tale sostanza attiva è l’Almarytm®. Questo farmaco esiste in diversi dosaggi da 50 a 200 mg e in diverse forme (iniettabile, compresse, capsule). SI tratta di un farmaco riservato all’adulto.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali più frequenti riscontrati in soggetti che seguono un trattamento con la flecainide sono stordimento, disturbi del visus, dispnea, stanchezza, febbre ed edemi. È necessario un controllo con elettrocardiogramma (ECG) per verificare l’efficacia del trattamento. Un aggiustamento della posologia si fa in base ai risultati dell’ECG.

L’acetato di flecainide e altri farmaci

L’acetato di flecainide non deve essere somministrato contemporaneamente a terapia anticoagulante a base di antivitamina K del tipo Syntrom o Previscan perché aumenta il rischio emorragico. L’acetato di flecainide non deve essere associato ad altri antiaritmici per non rallentare troppo il ritmo cardiaco.