Nicturia: cause, sintomi e trattamento

Fai una domanda
La nicturia è caratterizzata da un’importante minzione che sopraggiunge durante la notte. Questo disturbo conduce il soggetto ad alzarsi per urinare, interrompendo così il ciclo del sonno, impattandone la qualità. Spesso vissuto come un fastidio, la nicturia può avere delle gravi conseguenze sulla qualità della vita.


Definizione

Il termine nicturia designa il fatto di urinare con una frequenza anormale durante la notte. La nicturia può essere causata da una banalità, come il consumo di un eccessiva quantità di liquidi prima di dormire, o essere riscontrata in adulti colpiti da una patologia renale (insufficienza renale) o in uomo colpiti da un’ipertrofia benigna della prostata. Quando il soggetto si sveglia più volte, durante la notte per urinare si parla di pollachiuria. La nicturia è anche possibile nei bambini che non sono ancora capace di controllare gli sfinteri: si parla di enuresi primitiva o secondaria.

Cause

La nicturia può far seguito a diverse malattie come un’ipertrofia benigna della prostata nell’uomo, una patologia renale che comporta un’insufficienza renale, un’infezione cardiaca o ancora diabete. L’apnea ostruttiva notturna del sonno, disturbi del sonno, l’incontinenza o un’infezione urinaria cronica (cistite) possono ugualmente portare alla nicturia. 
La nicturia può essere causata da un cattivo stile di vita. Ad esempio, quando il paziente consuma troppi liquidi prima di dormire (di solito alcolici o bevande a base di caffeina), la diuresi può risultare sregolata. La possibilità dello sviluppo di questo disturbo aumenta con l’avanzare dell’età: si stima che questo disturbo colpisce più del 70 % degli uomini e delle donne di più di 60 anni. Tuttavia, la nicturia non concerne unicamente le persone anziane: può essere anche una delle conseguenze passeggere della gravidanza.

Sintomi

I pazienti che soffrono di nicturia avvertono il bisogno pressante di urinare durante la notte. I soggetti si alzano più volte nella notte. La nicturia, quando raggiunge livelli importanti, viene chiamata pollachiuria. La nicturia può colpire le persone ansiose o stressate, la qual cosa aggrava ancor più lo stress. In generale viene aggravata dalla diminuzione della qualità di vita legata ad una mancanza di sonno. La sensazione di disturbo è un dato importante, insieme ad una perdita di stima di sé.

Diagnosi

Per prima cosa il medico di base (o un urologo) proseguono a porre delle domande al soggetto per conoscere le sue abitudini di vita, e accertarsi di eventuali trattamenti seguiti che possano avere effetti diuretici o eventuali patologie a questi legati. Un’analisi delle urine risulta necessaria per misurare il glucosio o di ricercare un’infezione urinaria. Dopo aver eliminato il sospetto di cause particolari, si può cominciare la ricerca di eventuali malattie urologiche o non urologiche.

Trattamento

Un consulto specialistico è necessario per decidere il trattamento requisito. Le abitudini di vita possono essere adattate: limitare il consumo di liquido prima di dormire (in particolare bevande alcoliche e a base di caffeina). Se la nicturia è sintomo di un’altra patologia bisogna occuparsi di quest’ultima.

FOTO:© dash /123RF