Ipospadia: cause e rimedi

Fai una domanda
L’ipospadia del neonato è una malformazione congenita che interessa lo sviluppo dell'uretra e del pene nei bambini di sesso maschile.


Cause

La causa dell'ipospadia è dovuta ad un'anomalia dell'uretra, la quale risulta non localizzata nella parte terminale del pene, bensì sulla facciata inferiore, verso l’estremità. Nello specifico si parla di ipospadia balanica, da distinguere da quella coronale o subcoronale che vede l'uretra formatasi tra il glande e l'asta del pene o quella balano prepuziale, nella zona tra il balano e il prepuzio. Le cause dell’ipospadia sono sconosciute anche se si ipotizzano origini correlate ad una certa famigliarità, allo sviluppo del feto e al tasso di testosterone .

Sintomi e complicazioni

Il sintomo principale di questa malformazione congenita è dovuta ad un diverso posizionamento dell’uretra, che non si trova alla punta del glande, come dovrebbe. A questo sintomo visibile si associano problemi inerenti alla minzione e disturbi sessuali che sono soliti colpire adulti con ipospadia: eiaculazione precoce, difficoltà di erezione e prepuzio non completo.

Rimedi

Per porre rimedio a questa malformazione anatomica, è necessario intervenire chirurgicamente. L'operazione consente di ricreare e riposizionare il meato urinario, consentendo un’eiaculazione ed una fertilità normale, oltre che a risolvere gli eventuali problemi urinari riscontrati dal paziente. Prima di sottoporsi all’operazione il soggetto viene circonciso, poi viene scelta la tecnica con la quale agire a seconda del tipo di patologia e del chirurgo che la attua. L’età idea per operare soggetti colpiti da questa patologia è l’età neonatale tra i 4 mesi e l’anno e mezzo di vita, in modo da rendere il meno traumatico possibile il periodo post operatorio.