Dolore ai testicoli: cause e rimedi

Fai una domanda
Il dolore testicolare, chiamato anche orchialgia, è un sintomo la cui intensità può variare, fino a portare alla perdita di coscienza del paziente.



Definizione

Il dolore testicolare si localizza in prevalenza nella zona dei testicoli, anche se può estendersi ad altre parti del corpo. Il sintomo del dolore può essere situato a livello dello scroto, del condotto spermatico e dell’epididimo o di un testicolo.

Dolore ai testicoli e basso ventre

I testicoli si trovano dentro lo scroto e sono molto sensibili alla minima lesione. Il dolore ai testicoli grave che inizia all'improvviso richiede attenzione medica. Se un uomo presenta dolore ai testicoli e pancia, è necessario che si sottoponga ad accertamenti approfonditi dello scroto, poiché in alcuni casi, il dolore testicolare si irradia anche all'addome.

Perché la torsione testicolare è un'emergenza

A volte il dolore addominale si presenta prima del dolore ai testicoli quando è presente una torsione testicolare. In linea generale, le torsioni, che siano del testicolo o dell'Idatide di Morgagni (annesso testicolare), compaiono all'improvviso e interessano giovani tra i 10 e i 20 anni. Spesso i ragazzi di questa età si svegliano con forti dolori ai testicoli.

La torsione del testicolo è una situazione di emergenza che deve essere diagnosticata in modo rapido per poter subito agire con un trattamento adatto in poche ore di distanza dai primi sintomi. Al contrario, questa situazione può compromettere il testicolo provocando un'ischemia (diminuzione del flusso sanguigno) e/o una necrosi del testicolo, ossia la morte del tessuto che può portare alla perdita dell'organo. Alcuni testicoli ritornano spontaneamente alla loro posizione e vengono detti testicoli retrattili.

Cause

Durante l'infanzia, il dolore testicolare si manifesta con l'infiammazione dell'area infettata. Il criptorchidismo (discesa incompleta di uno o entrambi i testicoli) non risulta essere doloroso ma è frequente motivo di consulto medico. Il testicolo ritenuto è una condizione che si crea prima della nascita, quando il testicolo non scende verso lo scroto. Questo può essere all'origine di infertilità e chi ne soffre viene operato, di preferenza, prima dei due anni.

Negli adolescenti e nei giovani adulti, il dolore ai testicoli è dovuto ad infiammazioni, tumori, criptorchidismo, testicoli retrattili o trauma che, generalmente, sono lievi e correlati ad un'attività sportiva. Tra le altre cause del dolore ai testicoli: le ernie, l'orchiepididimite (infiammazione del testicolo e dell'epididimo) e le torsioni. Mentre in caso di infezioni, esse sono sopratutto di origine urinaria o correlate a malattie sessualmente trasmissibili. Ad esempio, l'epididimite, infiammazione dei condotti attraverso i quali lo sperma sale verso il testicolo, o le infezioni da clamidia, una malattia a trasmissione sessuale.

Altre possibili cause del dolore ai testicoli

Il dolore ai testicoli può essere causato anche dall'impossibilità di arrivare all'erezione. Esistono anche situazioni più gravi come l'orchite, infiammazione di uno o ambedue i testicoli e che può apparire assieme all'epididimite o prostatite. Essa può essere dovuta anche al varicocele, che corrisponde alla presenza di varici nelle vene che drenano il testicolo e che interessa maggiormente il testicolo sinistro che quello destro. Questa condizione causa dolore e aumenta il volume dello scroto e può causare infertilità.

Lo spermatocele indica la formazione di una cisti di liquidi nell'epididimo (quel tubo che connette i condotti deferenti alla parte posteriore dei testicoli), mentre l'idrocele si riferisce al versamento di liquido all'interno dello scroto e che, a sua volta, causa la rotazione del testicolo.

Il cancro ai testicoli nei ragazzi non è doloroso di solito, ma a causa delle sue caratteristiche cliniche, qualunque tumore testicolare deve essere analizzato, in presenza o meno del dolore. Una diagnosi tardiva di questa patologia può avere conseguenze molto gravi sulla vita del paziente.

Rimedi

Per cause non urgenti di dolore ai testicoli, come lesioni minori o accumulo di liquidi, esistono soluzioni casalinghe che possono ridurre il dolore e gonfiore, oltre che a trattare un'eventuale infezione.

A molti uomini basta usare un supporto atletico (sospensorio) o applicare del ghiaccio sullo scroto. Pare si abbiano benefici anche facendo dei bagni caldi, in caso di infiammazione. Altri rimedi casalinghi consistono nell'apporre un asciugamano arrotolato sotto lo scroto mentre si dorme. Per ridurre il dolore si possono prendere analgesici come il paracetamolo o l'ibuprofene. In caso di dolore ai testicoli nei bambini non dare l'aspirina.

Quando consultare il medico

Rivolgersi al pronto soccorso quando il dolore è forte e improvviso o se dopo un'ora questo o l'infiammazione da lesione o trauma dello scroto persiste e/o si accompagna a vomito e nausea. Necessaria l'attenzione medica se si nota una protuberanza o un rossore sullo scroto, quando il dolore ai testicoli si accompagna a febbre o quando lo scroto è caldo e sensibile al tatto. Consultare il medico se si è venuti in contatto con il virus della meningite, che a sua volta può provocare orchite.

Foto: © O2creationz – Shutterstock.com