0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Flavio Insinna fuori onda: a Striscia la Notizia non scappa nulla

Nella puntata di Striscia la Notizia in onda ieri sera, martedì 23 maggio 2017, Ficarra e Picone mandano in prima visione su Canale 5 la “gentilezza” del conduttore e volto della Rai, Flavio Insinnna.

Flavio Insinna al j'accuse di Striscia la Notizia: fuorionda di Affari tuoi.


Il telegiornale satirico di Canale 5, Striscia la notizia, condotto da Ficarra e Picone, ieri 23 maggio 2017 dedica ben 9 minuti di trasmissione per mostrare alcuni fuori onda del presentatore del noto programma televisivo Affari tuoi, Flavio Insinna.
Il programma è sempre stato, nel corso degli anni, bersagliato da Striscia, ma quasi sempre per quanto riguarda il truccaggio dei pacchi e delle partite dei concorrenti, ma questa volta è diverso e nel mirino delle telecamere c’è il volto principale del conduttore Flavio Insinna.
Nel modo più crudo possibile il programma di Antonio Ricci scredita e mette in mostra dei fuori onda davvero sconcertanti. Negli estratti, il conduttore infatti si scaglia piuttosto ferocemente contro lo staff del programma e preso dall’ira insulta anche i concorrenti ripescati per tentare di vincere una seconda volta. 

Il servizio inizia con Ficarra e Picone che mostrano alcune immagini di Insinna alla trasmissione Rai Cartabianca in cui, con un approccio filosofico, si addolora nel parlare dell’Italia in quanto paese ammalato di solitudine e indifferenza. “Voglio vivere in un paese gentile” dice e qualche secondo dopo questa “gentilezza” auspicata, parte paradossalmente proprio da lui. Adirato dall’introduzione del Pacco X il conduttore urla “Non mi dite più di ‘sta c***o di scatola! […] Qui contano i pacchi e sulla X io ci piscio sopra!”.
A sostegno della tesi Picone riparte all’attacco con nuove accuse e se qualche tempo prima lo stesso Insinna si ritrova a condannare l’Italia in quanto “Paese che umilia le persone”, nel fuorionda di Affari tuoi conferma la sua tesi e a sua volta umilia i concorrenti.
Striscia manda in onda un audio in cui il conduttore si innervosisce con gli autori del Gioco dei Pacchi per non aver fatto una selezione più accurata dei concorrenti e per aver lasciato al “caso” la scelta dei fortunati a rigiocare: “Ma perché ca**o lo fate fra di voi? Ma perché? Il concorrente non te lo facciamo vedere! Lo scegliamo noi! Ma che c***o scegliete? Ma ci devo giocare io! La merce la lavoro io! Due tre fighi e sette dementi!”.

Il conduttore continua prendendo poi di mira una concorrente della Val d’Aosta in particolare: “Una nana, una nana ha giocato! La si porta di la, la si colpisce al basso ventre e dici: adesso tu rientri e giochi! Perché è Rai Uno, non è Val d’Aosta News li mor***ci tua! Siamo riusciti a prendere degli stronzi come sempre, a tutti gli speciali, c’era l’orchestra, la simpatia, i vip e abbiamo preso una nana di merda che non parla! Metti una foto piccola di quella st***za, cosi piccola con scritto gigante che si accontenta presto e perde 150 mila euro!”.

A quanto pare l’ira di Insinna non riesce proprio a placarsi e Striscia termina il “caso Insinna” con l’ultima parte del J’accuse,  in riferimento alla volontà del conduttore di avere “Landini come Ministro del Lavoro” subito smentita, ovviamente, dal fuori onda “Qua dentro capite solo l’orario, le cose, il foglio, Landini, la FIOM. Bene… allora facciamo così!“.

Insomma, ancora una volta Striscia ci è andata pesante e nel mirino ci è capitato proprio lui. Non ci resta che aspettare come si difenderà Insinna e vedere se, questa volta, la sua voglia di un un paese gentile prenda il sopravvento o tiri fuori di nuovo le sue doti più nascoste.

Copyright Foto: Kika Press

Potrebbe anche interessarti

Il documento intitolato « Flavio Insinna fuori onda: a Striscia la Notizia non scappa nulla » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.