Bergamotto: colesterolo ko con le proprietà del frutto

Secondo la scienza, il bergamotto è un frutto (ma anche olio essenziale) importante per la salute perché ricco di proprietà. Soprattutto se arriva dalla Calabria.
 

Bergamotto: succo, oppure frutto, dalle mille qualità. Ecco perché.  © Nuttapong Wongcheronkit / 123RF

Le proprietà del bergamotto sono importanti per la salute, assicura la scienza. Ma deve essere quello calabrese, rigorosamente, per poter assicurare le sue migliori qualità.


Il bergamotto della Calabria

La pianta del bergamotto è originaria della Calabria, ma ormai coltivata in tutto il mondo. Vero è, però, che molti degli studi che sono stati portati avanti su questa pianta hanno utilizzato proprio il bergamotto calabrese, per mostrare le svariate proprietà.


La pianta e il frutto

La pianta del bergamotto dona un frutto dalle molteplici sfumature. Verde quando è in via di maturazione, diventa giallo quando pronto. Grande quanto un'arancia, ha l’aspetto di un grosso limone, con il quale si rischia di confonderlo, ma il suo sapore è molto più forte e intenso delle piante “sorelle”.
 

Proprietà del bergamotto

Il bergamotto è usato nella tradizione popolare come rimedio contro i disturbi cutanei, siano essi la forfora o eruzioni. In effetti la pianta pare agisca come antibatterico e antisettico, quindi è un disinfettante e un antivirale naturali, perfetto contro le influenze di origine batterica, per disinfettare le piccole ferite e anche per combattere la micosi alle unghie. Ma la proprietà che rende questa pianta più famosa, secondo recenti studi, come vedremo, è la capacità di agire contro il colesterolo (cattivo).
 

Valori nutrizionali

Il bergamotto contiene per l'80% acqua, poi acido citrico, zuccheri, proteine e fibre. Apporta potassio, magnesio e calcio. Contiene circa 40 calorie per 100 gr di frutto.
 

Bergamotto e colesterolo

Bergamotto: colesterolo sotto controllo? Parrebbe proprio di sì perché secondo gli studi condotti sul tema due elementi in esso contenuti, la esperetina e la naringenina agirebbero contro il colesterolo cattivo nl sangue, o LDL, mantenendo sano il sistema cardiovascolare. Per ottenere questo effetto però il succo di bergamotto fresco (o il frutto) va consumato in modo regolare. 
 

Succo di bergamotto: le proprietà

Quanto succo di bergamotto bere e come? Almeno 50 cc al giorno, lontano dai pasti, per combattere il colesterolo. Altrimenti, secondo la medicina naturale, basta assumerlo regolarmente, per agire contro stomatiti e faringiti, ma anche per evitate colecisti e pancreatiti, oppure ridurre l’ipertensione


Olio di bergamotto

In aromaterapia bastano un paio di gocce di Olio essenziale di bergamotto, ovvero essenza di bergamotto nel diffusore per ottenere un effetto antistress, ma anche un buon calmante per le vie respiratorie.
 

Bergamotto in cucina

Ricette per utilizzare il bergamotto? Prima di tutto una marmellata di bergamotto, in grado di contrastare il sapore acre con lo zucchero. Oppure di accompagnamento a carni e pesci, nelle ricette che prevedono l’arancia. Come dolce poi, funziona bene sotto forma di gelati. Tradizione vuole poi che sia perfetto come aroma di caramelle, torroni e liquori. 
 

Dove comprarlo

Il bergamotto si trova nei classici canali di distribuzione di frutta e verdura, ma come olio, succo o aroma curativi si può richiedere anche in alcune farmacie ed erboristerie.

Il documento intitolato « Bergamotto: colesterolo ko con le proprietà del frutto » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.