0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Eiaculazione: come (aiutarlo a) ritardarla

L’eiaculazione precoce più diffusa è psichica, scatenata da stress, ansia da prestazione e perfino eccessiva libido: ecco come la partner può aiutare il maschio frettoloso. 
 
L'eiaculazione precoce si cura anche concentrando la sessualità anzitutto da un punto di vista psichico.

 

Ritardare l’eiaculazione, far crescere il piacere

Dal momento che lo stress è il peggior alleato del sesso e l’ansia da prestazione pure, un ottimo approccio per ritardare l’eiaculazione del partner è rivalutare l’aspetto psichico della sessualità e concentrarsi su quello, anziché sull’atto in sé. Dalla teoria alla pratica, è importante concentrarsi sui preliminari, così da rilassare l’uomo a rischio orgasmo frettoloso. Un’ottima soluzione sono i massaggi sexy con gli olii essenziali. Mal che vada avrà un orgasmo immediato: se avrete la pazienza (di solito basta mezz’ora) di continuare con sensualità e dolcezza verrete ampiamente ripagate. 
 

Sesso tantrico: concentrarsi sui dettagli 

La disciplina orientale che insegue l’estasi sessuale è perfetta per aiutare (ed educare) un partner che ha fretta (volente o nolente) di arrivare alla fine. Questo perché prevede un lungo percorso volto, anzitutto, alla ricerca dell’essenza di sé, prima di arrivare alla sessualità vera e propria da condividere con l’altro. 
 

Posizioni per (ritardare) l’eiaculazione

Non tutti sanno che alcune posizioni più di altre permettono di ritardare l’eiaculazione. In generale sono quelle dove è la donna a decidere ritmo e intensità dei movimenti: da quella dell’amazzone, alla cavalcata normanna fino al cucchiaio, ce n’è per giocare a lungo, coltivando l’orgasmo di lei, in attesa dell’eiaculazione di lui.
Aggiungi commento

Commento

Commenta la risposta di utente anonimo