0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Collirio - Definizione


Definizione

Il collirio è una sostanza medicamentosa sotto forma di gocce da applicare nell’occhio, a livello della congiuntiva, la zona bianca dell’occhio. Si applica mettendo le gocce nell’angolo interno dell’occhio, aperto, con la testa leggermente piegata all’indietro e tirando su la palpebra inferiore. Esso permette di curare diverse affezioni degli occhi come la congiuntivite.

Colliri antibiotici

I colliri curano anche le infezioni batteriche quando esse sono composte di antibiotici.

Colliri antisettici

Possono essere composti da corticoidi, da una soluzione anestetica o da cicatrizzanti.

Lacrime artificiali

Ci sono dei colliri che a volte non sono altro che “lacrime artificiali” per umidificare l’occhio o ripulirlo.

Fluoresceina

Altri tipi di colliri, come la fluoresceina che colora l’occhio, vengono impiegati per permettere la ricerca di una patologia oculare o i colliri midriatici che dilatano la pupilla.

Scadenza

La maggior parte dei colliri scadono in meno di un mese dall’apertura ecco perché esistono delle soluzioni monodose.
Il documento intitolato « Collirio - Definizione » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.