0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

La gastronomia americana

Al contrario di quanto si creda, la gastronomia americana è molto variegata! Negli Stati Uniti esistono tante specialità dolci e salate, in cui si mescolano influenze tedesche, olandesi e irlandesi. La cucina d’Oltreoceano si ispira anche alle ricette tradizionali dei nativi americani. Burro d'arachidi, pancake, muffin... a quale prodotto non potete resistere?

Il burro di arachidi è una delle tante specialità americane, delizioso sia al naturale, che arrosto o spalmato sul pane.


Burro di arachidi

L'arachide, molto diffusa in Nord America, appartiene alle leguminose, fonte di proteine, fibre e minerali. Serve a preparare il famose burro di noccioline. Questo prodotto entra sul mercato americano nel 1890 e si diffonde velocemente nel mondo intero. Si mangia al naturale, arrosto e spalmato sul pane. Può essere anche mescolato all'impasto di cookie e brownie
Se non lo trovate in commercio, potete prepararlo a casa vostra, usando un normale frullatore. Una volta pronto, il burro di arachidi si conserva due mesi in frigorifero. Preparate i cucchiaini!

Copyright foto: Istock

Biscotti Oreo

Sin dal 1912, gli Oreo sono i biscotti più venduti al mondo.


Gli Oreo sono dei biscottini americani formati da due biscotti a base di cioccolato con uno strato interno di crema alla vaniglia. Questi mini-cookies centenari sono i biscotti più venduti al mondo. Sono stati inventati nel 1912 a New York e sono subito diventati famosissimi in tutto il pianeta. La tradizione esige che siano inzuppati in un bicchierone di latte all’ora della merenda.

Copyright foto: Istock

Il formaggio della Grande Mela


Il mitico formaggio new-yorkese a base di panna e latte è adatto per piatti dolci o salati.


Creato a New York nel 1872, il Philadelphia è un formaggio a base di panna e latte. È arrivato in Italia circa un secolo dopo, e ha subito riscosso grande successo. Al naturale, permette di preparare la mitica cheesecake new-yorkese. Esistono anche delle versioni alle olive, alle erbe aromatiche... ce ne sono per tutti i gusti! Grazie alla sua consistenza cremosa, questo cream cheese può essere spalmato sul pane fresco e utilizzato nella preparazione di piatti dolci e salati, a seconda dei gusti.

Copyright foto: Istock

Salsa barbecue

La salsa barbecue è la regina delle grigliate in Texas.


Il Texas è conosciuto come il paese che fa i migliori barbecue del mondo. Se non potete passarci le vacanze, non disperate! Potete fare una grigliata perfetta nel vostro giardino, insaporendo la carne con una salsa texana leggermente piccante. Le ricette sono tante; noi abbiamo scelto una salsa barbecue a base di pomodoro, uva, ananas e peperoncino. Questo concentrato di sapori sarà l’alleato ideale per accompagnare le carni di manzo, di maiale, di vitello e il pollame.

Copyright foto: Istock

Pancakes


I pancakes sono la base di una tipica colazione americana.


La colazione americana tipica è ispirata alle specialità irlandesi, scozzesi e tedesche. Al mattino, gli americani hanno l’abitudine di mangiare bacon, salsicce, uova all’occhio di bue o strapazzate e i famosi pancakes. Queste frittelline dolci o salate si mangiano con il burro, lo sciroppo d’acero, la marmellata, il miele, le uova e le fette di bacon. Durante la settimana, non è sempre facile trovare il tempo per preparare un delizioso brunch americano. Alcuni supermercati propongono però dei preparati per pancake, ai quali basta semplicemente aggiungere un po’ di latte all’ultimo minuto. Si fa dorare l’impasto 5 minuti in padella e il gioco è fatto!

Copyright foto: Istock

Senape al miele

La senape al miele è utilizzata principalmente per spennellare panini, carni alla griglia e verdure crude.


Gli americani vanno pazzi per questa salsa al miele e ai grani di senape. Negli Stati Uniti, la si usa per spennellare i panini, gli hot-dog, gli hamburger e i bagel. Questa salsa dalle note dolci è anche una glassa per le grigliate. È anche utilizzata come salsina d’accompagnamento per le tapas e per esaltare il gusto delle verdure crude all’aperitivo.

Copyright foto: Istock

Cookies


I cookies sono stati inventati nel 1930 da una coppia che gestiva un albergo.


I cookies sono dei biscotti secchi con i pezzetti di cioccolato nati negli Stati Uniti. La loro invenzione risale al 1930 ed è stata attribuita ad una coppia di gestori di un albergo. Per sedurre la propria clientela, gli sposi sperimentano una ricetta a base di zucchero, farina, uova e gocce di cioccolato. Per dare ai vostri biscotti la morbidezza degna dei migliori cookies americani, mettete l’impasto nel microonde per pochi secondi prima di farlo cuocere in forno. Per un piacere unico, vanno mangiati tiepidi. 

Copyright foto: Istock

Brownie

Esistono un'infinità di ricette per i brownie, ma la ricetta più famosa è quella al cioccolato fondente con le noci.


Questo grande classico americano è stato inventato nel 1893 da uno chef dell’hotel Palmer House a Chicago. I bambini vanno pazzi per questo dolce dall’impasto soffice che si scioglie in bocca. Negli Stati Uniti, la versione più famosa è quella al cioccolato fondente con le noci. Ma esistono un’infinità di varianti: con il sesamo, con i pezzetti di caramello, con le gocce di cioccolato bianco, con lo zenzero candito... Per rendere questa ricetta ancora più golosa o ancora più soffice, il trucco americano consiste nell’immergere lo stampo nell’acqua ghiacciata. Questo metodo permette di interrompere immediatamente la cottura subito dopo l’uscita dal forno.

Copyright foto: Istock

Muffin inglesi

I muffin inglesi si mangiano con uova, bacon e formaggio.


I muffin inglesi sono dei paninetti rotondi molto diffusi nei paesi anglosassoni e in particolare negli Stati Uniti dove sono serviti a colazione. Gli americani li ricoprono di burro, marmellata o sciroppo d’acero. La versione salata si prepara con uova, bacon e formaggio. Si prestano anche alla preparazione delle uova alla Benedict, ricoperti da un uovo in camicia, salumi e salsa olandese. Tagliali in due e tostali prima di mangiarli. Esistono anche i muffin americani, più diffusi in Italia, che hanno una lievitazione diversa.

Copyright foto: Istock

Pop corn

Nel 1985 Hollywood trasforma i pop corn in un simbolo dell'industria cinematografica.


Sono gli Indiani d’America a scoprire il primo metodo per fare scoppiare i pop corn. All’epoca, il mais scoppiato era utilizzato come moneta di scambio, regalo di benvenuto, gioiello, ornamento per i capelli o elemento decorativo. Nel 1985, Hollywood inventa la prima macchina per fare scoppiare il mais e trasforma il pop corn nel simbolo dell’industria cinematografica. Questo snack conquista l’Europa all’inizio degli anni 50. Il pop-corn si ottiene scaldando i chicchi di mais. Quest’ultimi contengono delle molecole d’acqua che entrano in ebollizione e si trasformano in vapore. Il chicco scoppia a 180 gradi circa e può raggiungere un volume pari a trenta volte il suo volume iniziale. Negli Stati Uniti, il pop-corn si mangia al naturale, salato o dolce. Agli americani piace anche la versione speziata, ricoperta di cioccolato o di caramello.

Copyright foto: Istock

Cupcakes


I Cupcakes sono tornati alla moda da quanto sono ricomparsi in un episodio di Sex and the City.


I cupcakes sono dei piccoli muffin americani sormontati da una glassa colorata o da un vortice di panna montata e ricoperti da decorazioni di zucchero. Questi dolcetti personalizzati sono uno più fantasioso dell’altro. Negli Stati Uniti, queste prelibatezze zuccherate erano molto di moda negli anni '50, quando si mangiavano in occasione di diverse cerimonie e delle merende di compleanno. Dopo qualche decennio nell'ombra, i cupcakes hanno fatto una comparsa degna di nota in un episodio della celebre serie americana Sex and the City. Da allora, è la cupcake-mania, anche in Italia! 

Copyright foto: Istock

Il documento intitolato « La gastronomia americana » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.