0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Come affrontare le tappe della vita di coppia?

Trasloco, matrimonio, bambini... il percorso di una coppia è pieno di eventi che possono turbare un equilibrio difficile da costruire. Ecco un piccolo manuale per affrontare le tappe cruciali della vita a due.


Stiamo per innamorarci...

La situazione: è da un paio di settimane (o mesi) che frequentate Vincenzo (Paolo, Marco, Andrea...). E più si va avanti, più vi sentite bene quando siete con lui. Quando non c'è, comincia a mancarvi. Vorreste chiamarlo più volte al giorno, per comunicargli le cose che vi fanno ridere, sentire la sua voce, sentirlo vicino... Lo sapete: vi state innamorando. Per fortuna, sembra essere lo stesso per lui. Significa che, se tutto va bene, siete agli inizi di una relazione duratura.

Ciò che può essere complicato: non avete mai affrontato il "problema" sul serio.

Convivenza, matrimonio, figli... come affrontare i momenti importanti della vita di coppia?

Non sapete cosa vuole per davvero, come vede il concetto di coppia, se vuole avere una famiglia un giorno o l’altro. In breve, provate dei sentimenti, questo è sicuro. Per il resto, tutto è molto vago. Vi sentite confuse e avete paura di impegnarvi, perché la storia potrebbe finire male.

Come fare? Anche se non sono la parte più romantica dell'innamoramento, queste questioni vanno affrontate. Cercate di capire cosa volete, che idea avete della vita di coppia, cosa vi sentite di fare fin da subito (vedervi tutti i giorni, fare un viaggio da soli...) e per cosa, invece, preferite aspettare (andare a vivere insieme per esempio). Sono le fondamenta di una coppia solida.

Copyright foto: Istock

Andiamo a vivere insieme!

La situazione: dopo un anno di amore tenero e/o passionale, si passa alle cose serie. Avete trovato il vostro nido futuro e siete, ciascuno per conto suo, impegnati a fare gli scatoloni. Non vedete l’ora di coccolarvi davanti al vostro nuovo televisore, col rischio di tornare a casa la sera e di trovarlo stravaccato sul divano. Siete impazienti di svegliarvi ogni mattina al suo fianco. Per non parlare del sollievo di non dover più preparare una borsa da portare al lavoro quando avete in programma di dormire insieme. Davvero, vivere insieme, sarà fantastico.

Ciò che può essere complicato: siete un po’ preoccupate. Lui è disordinato, per usare un eufemismo. Vi vedete male a raccogliere da terra i suoi calzini per andare a metterli nel cesto della biancheria sporca. In fatto di arredamento, poi, avete gusti diversi. Senza contare che per voi, a volte, è necessario andare a casa, la sera, e non parlare a nessuno. Inevitabilmente, è più complicato quando qualcuno vive con voi.

Come fare? Niente panico! Se vi frequentate da un po', è probabile che abbiate praticamente già vissuto insieme, a casa dell'uno o dell'altro. Non sarà facile mettere su casa, e certe cose vanno chiarite. Per esempio, che non sarete sempre voi a fare il bucato. L'importante è dialogare per chiarirsi ed evitare che, dai piccoli problemi del quotidiano, non nasca una crisi.

Ci sposiamo!

La situazione: questa volta, è quello giusto, l'Uomo con il quale potrete costruire la vostra vita finché morte non vi separi. Giulio vi ha chiesto di sposarvi e state preparando il giorno più bello della vostra vita. E voi non vedete l'ora!

Ciò che può essere complicato: prese dall’eccitazione del momento, non avete pensato a ciò che il matrimonio significava a lungo termine. "Nel bene e nel male", vuol proprio dire quello che significa. E ve ne rendete conto nel momento in cui cominciate a dover scendere a compromessi. Il matrimonio diventa una routine e le incombenze quotidiane più forti della passione. Come tenere viva la fiamma?

Come fare? Tra casa, lavoro e bambini, cercate di ritagliarvi un po' di tempo da passare a due. Una cena da soli, una serata speciale, un week-end di relax mentre i figli sono dai nonni... non trascurate la vita di coppia, è fondamentale per un matrimonio felice!

Mi ha tradita...

La situazione: eravate sicure che non fosse come gli altri, e avevate una cieca fiducia in lui. Vi siete dette che quell’SMS che avevate intercettato involontariamente e dove un'altra donna lo ringraziava per un momento di tenerezza, non era destinato a lui. Tanto più che la tenerezza, è da un po' che non è più la sua caratteristica principale...
Stessa cosa quando è tornato con il profumo di un’altra sulla sua giacca. Sarà quello di una collega, vi siete dette. Ma, a furia di trovare indizi, non avete più potuto negare la realtà. Quando lo avete affrontato, ha ammesso immediatamente. Sembrava quasi contento di essere finalmente uscito allo scoperto.

Ciò che può essere complicato: TUTTO è complicato. Vi sentite tradite, infelici, gelose. Sentite che l'equilibrio che avevate cercato di costruire in tutti questi anni è crollato improvvisamente. Lo odiate, e vorreste bruciare tutte le sue cose. Allo stesso tempo, vi sentite confuse e, se siete in questo stato, è perché lo amate, nonostante tutto. Inoltre, riflettendoci, non riuscite a immaginare la vita senza di lui. Allo stesso tempo, non vi sentite capaci di perdonarlo...

Come fare? Ci sono coppie in cui il tradimento è ammesso, e non impedisce di avere una relazione stabile. Ma questo non vale per tutti. Ogni caso è diverso. Spetta a voi decidere se la vostra relazione merita di essere salvata, oppure no. E se, dall'altra parte (quella del partner), la volontà di ricominciare è sincera.

È quasi ora di andare in pensione

La situazione: non vi siete accorti del passare del tempo. Il matrimonio, la nascita dei figli, è successo tutto in un lampo. Ormai i vostri figli sono grandi, sono andati via di casa e forse sono anche genitori. Ora che state per andare in pensione, e siete ancora in gran forma, avrete tanto tempo libero per dedicarvi a quello che vi piace.

Ciò che può essere complicato: di progetti ne avete tanti. Forse troppi. Non avete mai un minuto libero e, visto che anche vostro marito è in pensione, non siete mai sole. Vi vedete troppo spesso e la convivenza non è sempre facile.

Come fare? Secondo uno studio del 2014, esisterebbe una vera e propria sindrome del marito in pensione, fonte di ansia e depressione per le donne. La cosa importante, quando si smette di lavorare, è continuare ad avere dei progetti e delle passioni, personali o in comune. La condivisione è il cemento della vita di coppia.

Lui è gravemente malato

La situazione: si pensa sempre che succeda solo agli altri. Purtroppo, sono cose che capitano a tutti. Chiunque può essere vittima di una grave malattia, come un tumore. Se succede al vostro partner, la vostra vita viene sconvolta.

Ciò che può essere complicato: oltre all'ansia e ai cambiamenti che la malattia comporta, sapete bene che è tutto il vostro rapporto che probabilmente verrà sconvolto. Non potete non pensare ai momenti in cui sarà troppo debole per stare in piedi, per lavarsi o anche solo per mangiare. Siete pronte a fare qualsiasi cosa per fargli sentire il meno possibile il disagio, ma temete che il vostro rapporto ne sia così sconvolto, data la relazione aiutante-aiutato che si stabilirà tra di voi.

Cosa fare? Ognuno affronta questo genere di prove a modo suo. Ci sono coppie che non resistono a situazioni così difficili, anche una volta che la malattia viene superata. Altre, invece, ne escono rafforzate. Se pensate di non farcela ad attraversare questa fase, non esitate a chiedere aiuto a un terapeuta.
Il documento intitolato « Come affrontare le tappe della vita di coppia? » dal sito Magazine delle donne (magazinedelledonne.it) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.