Fistola - Definizione

Fai una domanda
La fistola designa un canale anormale che collega un organo ad un altro, generando la circolazione di liquidi in un organo al quale non sono destinati normalmente. Si può trattare di un liquido che è presente normalmente nell’organismo ma che può essere patologico come nel caso della fistolizzazione di un ascesso. L’evacuazione può avvenire all’interno o all’esterno dell’organismo. Solo la conoscenza del tragitto della fistola permette di curarla correttamente e di stimare con certezza gli impatti sull’organismo. Le fistole più comuni si situano a livello dell’ano, dell’apparato digerente o dell’apparato urinario. Il termine fistola è anche utilizzato in terapeutica, durante la realizzazione di una fistola artero-venosa, che permette appunto la comunicazione tra un’arteria e una vena, utilizzata essenzialmente durante l’emodialisi.