Transito intestinale - Definizione

Fai una domanda

Definizione

Il transito intestinale è un fenomeno che si inserisce nel quadro della digestione. Gli alimenti sono in primo luogo ingeriti attraverso la bocca, dove la masticazione e l’azione congiunta degli enzimi salivari permettono di diminuire il volume degli alimenti. In seguito questi transitano nell’esofago grazie alla gravità e all’azione di alcuni muscoli siti intorno al tubo digestivo per arrivare allo stomaco, dove dei nuovi enzimi contenuti nei succhi gastrici proseguono il lavoro di riduzione dei nutrimenti in molecole che possono essere assorbite dall’organismo.

Il prosieguo del percorso si fa all’interno dell’intestino: intestino tenue, poi nel colo dove la peristalsi (contrazioni muscolari), permette la progressione degli scarti non assorbiti che saranno evacuati tramite feci al momento di defecare. In caso di accelerazione del transito può apparire diarrea, mentre nel caso contrario si parla di stitichezza.