Polimenorrea: cause, sintomi e rimedi naturali

Fai una domanda
La polimenorrea è un fastidio per il quale la distanza temporale tra una mestruazione e l’altra risulta essere più breve del normale.


Che cos’è la polimenorrea

La polimenorrea è un disturbo del ritmo delle mestruazioni caratterizzato da un accorciamento del periodo che intercorre fra una mestruazione e l’altra e quindi da un aumento di frequenza delle mestruazioni. Con questo disturbo il periodo intermestruale è più breve dei 26-28 giorni abituali, ma un solo episodio non ci autorizza a parlare di polimenorrea.

Cause

La polimenorrea può essere costituzionale, quindi priva di connotazioni patologiche, o può essere spia di una patologia della sfera genitale femminile o della secrezione ormonale, che ne regola l’attività. Fra le patologie primitive dell’apparato genitale femminile ricordiamo endometriosi, ovaio policistico, adenomiosi e neoplasie uterine (fibromi, polipi della cervice o dell’endometrio). La polimenorrea può essere dovuta a squilibri endocrini come disfunzione dell’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio, iperproduzione di prolattina, disfunzioni tiroidee, cicli anovulatori o alterata risposta dell’endometrio agli stimoli ormonali.
Infine la polimenorrea può essere sintomo di premenopausa.

Sintomi

Il sintomo principale della polimenorrea è ovviamente l’aumento di frequenza delle mestruazioni, che col tempo può, se non curato, portare ad una anemia secondaria, con tutti i disturbi connessi come affaticabilità, astenia, deficit di concentrazione, cefalea, tachicardia e dispnea. Possono essere presenti anche dolori durante la mestruazione.

Stress e polimenorrea

La polimenorrea può essere causata anche dallo stress. Escluse cause organiche del disturbo e appurato che la paziente che denuncia il disturbo sta vivendo un periodo di particolare tensione emotiva, è necessario intervenire su questa condizione di disagio, eventualmente col supporto di uno psicologo. Fondamentale riequilibrare la propria vita, modulando le ore di lavoro e di sonno.

Polimenorrea e premenopausa

La polimenorrea può essere uno dei sintomi della premenopausa, accompagnata da insonnia e vampate di calore. Possono al contrario presentarsi oligomenorrea (riduzione di frequenza delle mestruazioni), amenorrea (assenza di mestruazioni per più di 3 mesi), menorragia (flussi abbondanti e prolungati), spotting (piccole perdite ematiche tra un ciclo e l’altro). La premenopausa può durare da pochi mesi fino a sei anni, insorge mediamente dopo i 45 anni.

Polimenorrea e tiroide

La polimenorrea può essere dovuta a squilibri endocrini come disfunzione dell’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio, iperproduzione di prolattina, disfunzioni tiroideecicli anovulatori o alterata risposta dell’endometrio agli stimoli ormonali.
La polimenorrea rientra fra i sintomi di ipotiroidismo, si accompagna a menorragia (mestruazione abbondante e prolungata) ed è dovuta al rallentamento del metabolismo, causato dalla riduzione degli ormoni tiroidei. Nelle donne non trattate spesso insorge infertilità.

Rimedi naturali

In genere la polimenorrea viene trattata con terapia farmacologica ormonale, ma sono a disposizione anche rimedi naturali (fitoterapici), che se non curati possono almeno alleviarne i sintomi. Essi sono Angelica tintura madre - per attenuare la stanchezza, il calo del desiderio sessuale, le mestruazioni dolorose e la cefalea -, la Stellaria come decotto - per ridurre i disturbi uterini -, e Argentina in infuso.
Attenzione: l’uso di questi fitoterapici è palliativo e non deve escludere la terapia medica ormonale tradizionale.

FOTO:©Ольга Еремина/123RF